23 febbraio 2019
Aggiornato 18:30

Donadoni: “Il mio sogno è allenare il Milan”

Rivelazione di cuore del tecnico del Bologna ed ex gloria rossonera, nonostante la sua vecchia società non lo abbia mai interpellato negli ultimi anni

BOLOGNA - Si dice che in amore vince chi fugge e forse se questo detto esiste qualcosa di vero ci sarà pure. Prendiamo il Milan e Roberto Donadoni, ad esempio: l’attuale allenatore del Bologna, campione rossonero negli anni di Arrigo Sacchi prima e Fabio Capello poi, da almeno quattro stagioni viene accostato alla panchina milanista che nel frattempo ha collezionato esoneri su esoneri prima di trovare Vincenzo Montella, senza che però nessun dirigente del Diavolo si sia mai fatto sentire davvero col tecnico bergamasco, nonostante il diretto interessato continuasse a decantare il suo affetto e la sua attrazione verso i colori rossoneri. Lo avrebbe meritato, onestamente, Donadoni e il Milan avrebbe meritato di vedere sulla sua panchina un allenatore preparato, carismatico ed affezionato a tutto ciò che è milanista; niente da fare, almeno per ora, perché Donadoni è saldamente alla guida del Bologna e il Milan è sapientemente amministrato da Montella, ma domani? L’ex ala rossonera ci spera ancora e rivela: «Sarò sempre grato a Berlusconi e Galliani per avermi permesso di vestire la maglia del Milan di cui ero da sempre tifoso, ma non ci sono mai stati contatti da quando faccio l’allenatore. E’ chiaro però che non posso nascondere come allenare il Milan sia un’ambizione per ogni tecnico e il mio sogno in particolare, vedremo in futuro cosa accadrà». Alla faccia della diplomazia, insomma.