28 settembre 2020
Aggiornato 20:00
Calcio

Eranio: “Il Milan continua a destabilizzare Mihajlovic”

L’ex centrocampista rossonero critica la scelta di Berlusconi di proseguire nella campagna denigratoria del suo allenatore

MILANO - La politica societaria del Milan è abbastanza incomprensibile da ormai 4 anni, fra cessioni illustri ed immotivate, acquisti di basso profilo e promesse varie mai mantenute. C’è poi la questione legata agli allenatori, ormai sempre più di passaggio a Milanello e in una società praticamente allo sbando, accartocciata su sé stessa e su un blasone che ha il valore del due di coppe quando a tavola regna spade. Stefano Eranio, ex calciatore rossonero del Milan degli invincibili di Fabio Capello, ha espresso la sua opinione proprio riguardo le continue e fastidiose critiche del presidente Berlusconi a Sinisa Mihajlovic, suo malgrado sulla panchina milanista: «La società Milan continua a destabilizzare l’allenatore - sostiene Eranio - e questo non fa bene né a lui e né alla squadra. I rossoneri avevano trovato una quadratura dopo Natale, poi tra infortuni e critiche della proprietà, la squadra è tornata a livelli bassi; negli ultimi anni sono passati da Milanello tanti allenatori, ma i risultati non sono cambiati: forse è ora di buttare giù un programma di qualche stagione e lasciar lavorare il tecnico senza troppe pressioni». Parole al vento, probabilmente.