28 febbraio 2021
Aggiornato 10:30
Il ricordo

Mennea Day in 37 città italiane

A 35 anni dal record del mondo dei 200 metri, il 19.72 di Città del Messico (12 settembre 1979) l'Italia torna a correre il mezzo giro di pista con il patrocinio dell'Agenzia Nazionale per i Giovani.

ROMA - Mancano 48 ore al Mennea Day, la giornata del 12 settembre dedicata a celebrare la memoria e i valori del campione Olimpico di Mosca 1980. A 35 anni dal record del mondo dei 200 metri, il 19.72 di Città del Messico (12 settembre 1979) l'Italia torna a correre il mezzo giro di pista con il patrocinio dell'Agenzia Nazionale per i Giovani. Ad oggi sono 37 le città in tutta Italia che hanno aderito al Mennea Day 2014, fra cui Barletta, Roma, Milano, Torino, Bologna e a Casette di Massa (alla vigilia dei Campionati Mondiali di corsa in montagna).

TANTI GLI AZZURRI - Tanti gli azzurri che hanno annunciato la propria presenza allo Stadio dei Marmi di Roma intitolato un anno fa proprio a Mennea. Venerdì 12 settembre saranno presenti il campione Europeo di maratona Daniele Meucci (Esercito) e i due specialisti dei 200 metri Diego Marani (Fiamme Gialle, quinto nella rassegna continentale di Zurigo dove è diventato il terzo italiano di sempre sulla distanza), ed Eseosa Desalu (Fiamme Gialle). Presenti anche i tre allievi medagliati ai recenti Giochi Olimpici Giovanili di Nanchino (Cina) ovvero la lunghista Beatrice Fiorese (Atl. Vicentina), la marciatrice Noemi Stella (Atl. Don Milani) e il triplista Tobia Bocchi (CUS Parma) insieme al compagno di squadra e duecentista Filippo Tortu (Riccardi Milano). In ciascuna sede la partecipazione è aperta a tutti, tesserati e non: ognuno potrà correre i 200 metri con il proprio passo e donando due euro alla Fondazione Pietro Mennea Onlus.