17 febbraio 2020
Aggiornato 20:30
Golf

Bubba Watson, 2 su 3 al Masters Tournament

Il 36enne di Bagdad (Florida) si è imposto nella 78ª edizione del primo major stagionale con 280 colpi (69 68 74 69, -8), tre di vantaggio su Jordan Spieth e sullo svedese Jonas Blixt (283, -5) e quattro sullo spagnolo Miguel Angel Jimenez (284, -4). F. Molinari 50mo, Matteo Manassero, 72° con 152

AUGUSTA - Bubba Watson ha vinto per la seconda volta in tre anni il Masters Tournament, svoltosi sul tracciato dell'Augusta National (par 72), ad Augusta in Georgia. Il 36enne di Bagdad (Florida) si è imposto nella 78ª edizione del primo major stagionale con 280 colpi (69 68 74 69, -8), tre di vantaggio su Jordan Spieth e sullo svedese Jonas Blixt (283, -5) e quattro sullo spagnolo Miguel Angel Jimenez (284, -4). E' terminato 50° con 299 (71 76 76 76, +11) Francesco Molinari, mentre è uscito al taglio dopo 36 buche Matteo Manassero, 72° con 152 (71 81, +8).

Hanno occupato posizioni di alta classifica Rickie Fowler e Matt Kuchar, quinti con 286 (-2), l'inglese Lee Westwood, settimo con 287 (-1), Jimmy Walker, Kevin Stadler (che con Craig Stadler ha formato la prima coppia padre-figlio al via in un Masters), il danese Thomas Bjorn, il tedesco Bernhard Langer, l'australiano John Senden e il nordirlandese Rory McIlroy, ottavi con 288 (par), Hanno mancato l'attacco alla leadership mondiale di Tiger Woods l'australiano Adam Scott, campione uscente, e lo svedese Henrik Stenson, 14.i con 289 (+1) alla pari con altri mancati protagonisti quali Jim Furyk e l'inglese Justin Rose. Ha fatto la stessa cosa l'australiano Jason Day, il terzo giocatore che con un successo avrebbe potuto modificare il World Ranking giunto 20° con 290 (+2) insieme all'inglese Ian Poulter e a Fred Couples, sempre a suo agio ad Augusta sebbene abbia dovuto pagare tributo ai suoi 55 anni con un cedimento nel finale.

In grigio le prestazioni del sudafricano Louis Oosthuizen, 25° con 291 (+3), del tedesco Martin Kaymer, 31° con 293 (+5), di Brandt Snedeker, del fijano Vjay Singh e del thailandese Thongchai Jaidee, che comunque per la prima volta ha superato il taglio, 37.i con 295 (+7).