28 marzo 2020
Aggiornato 19:00
Calcio

Maradona: «Ai Mondiali con una maglia dell'Iran? È una stupidata»

«E' una voce messa in giro per fare danno». Pochi giri di parole anche sull'assenza di Carlos Tevez a Brasile 2014: «Lui sente molto la Nazionale, è un giocatore del popolo. Non è morto, è stato ammazzato»

BUENOS AIRES - «Per me Icardi è un traditore». Diego Armando Maradona non le manda a dire e attacca duramente l'attaccante dell'Inter, protagonista di una relazione sentimentale con la ex moglie di Maxi Lopez, Wanda Nara. «Va a casa (di Maxi Lopez, ndr), gioca a fare l'amico e poi gli soffia la donna - ha detto Maradona ai microfoni di Radio Pop, come riportano i media argentini -. Questo è tradimento. Ai tempi nostri, se guardavi la donna di un compagno, nello spogliatoio ci saremmo alternati per prenderlo a pugni».

TEVEZ E' UN GIOCATORE DEL POPOLO - Maradona parla anche dei prossimi Mondiali e delle voci che lo vedrebbero intenzionato a indossare una maglia dell'Iran, avversario dell'Argentina nella fase a gironi: «È una stupidata, è una voce messa in giro per fare danno». Pochi giri di parole anche sull'assenza di Carlos Tevez a Brasile 2014: «Lui sente molto la Nazionale, è un giocatore del popolo. Non è morto, è stato ammazzato».

CAPITOLO GRONDONA - Grondona, è colui che prima ha scelto e successivamente ha deciso di esonerare Maradona come tecnico dell'Albiceleste perchè, a suo pensare, l'argentino faceva ancora uso eccessivo di sostanze stupefacenti: «Grondona e Blatter sanno che da sempre gli ho fatto una certa resistenza, non mi sono mai inginocchiato davanti a nessuno. Non ho alcuna intenzione di entrare a far parte della famiglia del presidente Grondona».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal