4 dicembre 2021
Aggiornato 02:00
Calcio

Verdone: Alla Roma serve un allenatore che li «ammazzi»

L'attore-regista a TM News: «Pallotta non so se capisce di calcio. Queste cose poi alla fine contano, serve il presidente. Il presidente è tutto e deve essere un presidente di grande polso»

ROMA - «Speriamo di trovare una persona con il polso molto forte perché questa città ha bisogno di un allenatore che abbia il polso forte nello spogliatoio; che si faccia sentire». Lo dice Carlo Verdone, commentando con TM News la fallimentare annata della sua squadra del cuore, la Roma.

SERVE UN PRESIDENTE DI POLSO - La squadra giallorossa, dice, «ha bisogno di un presidente forte. Le squadre che vano bene sono quelle dove Andrea Agnelli scende nello spogliatoio e gliene dice quattro. De Laurentis - prosegue - quando entra nello spogliatoio o gli fa i grandi complimenti o gliene dice quattro. La presidenza si deve far sentire. Quando non c'è presidenza, ci sono delle persone che dovrebbero in qualche modo farsi sentire. Qui c'è una banca - aggiunge- , c'è un presidente americano che non so quanto comprenda di calcio... Queste cose poi alla fine contano, serve il presidente. Il presidente è tutto e deve essere un presidente di grande polso».

PRENDIAMO ESEMPIO DAL BAYERN O DAL BORUSSIA - «Perché sennò ecco che succede: Osvaldo insulta Aurelio Andreazzoli... quell'altro prende una bottiglia e gliela tira addosso... Ma quando mai si è visto in una squadra di pallone - si accalora l'attore romano -. Prendiamo esempio dal Bayern o dal Borussia: quale giocatore di quelle due squadre si sarebbe permesso di prendere a parolacce un allenatore? Ma li hai visti quegli allenatori chi sono? Se tu li prendi a parolacce, quelli ti ammazzano!».