27 gennaio 2022
Aggiornato 18:30
Superleague cinese

Marcello Lippi re di Cina

Il tecnico viareggino, campione del mondo con la Nazionale azzurra nel 2006, ha conquistato lo scudetto con il Guangzhou Evergrande con una giornata d'anticipo sulla fine del campionato cinese

PECHINO - Marcello Lippi re di Cina. Il tecnico viareggino, campione del mondo con la Nazionale azzurra nel 2006, ha conquistato lo scudetto con il Guangzhou Evergrande con una giornata d'anticipo sulla fine del campionato cinese, la Super League. Determinante la vittoria casalinga per 1-0 contro il Liaoning Hongyun, firmata da una rete allo scadere di Gao. Con questo successo il Guangzhou resta al comando della classifica con 58 punti e, a novanta minuti dal termine della stagione, non può più essere raggiunto dall'immediata inseguitrice, il Jiangsu Sainty, che è stata bloccata sullo 0-0 dal Beijing Guoan ed è scivolata a -5.
Per la società cinese è il secondo titolo della sua storia: aveva già vinto lo scudetto cinese lo scorso anno. Uno dei primi a complimentarsi con Marcello Lippi è stato Alessandro Del Piero, che con il tecnico viareggino ha condiviso tanti trionfi con la maglia della Juventus e in Nazionale: «Italiani all'estero. Marcello Lippi campione di Cina con la sua squadra! Complimenti mister. Ale», scrive l'ex capitano bianconero in un tweet.

Lippi: «Ha ragione Agnelli, il calcio italiano è fa riformare» - Marcello Lippi, fresco campione di Cina con il suo Guangzhou Evergrande, è intervenuto nella serata di ieri ai microfoni di Sabato Sprint, su Raidue: «Agnelli dice che il calcio è da riformare? Sì, sono d'accordo, perchè c'è da ripensare molto nel calcio italiano e le persone che devono farlo sarà bene che si mettano a un tavolino a pensarci bene. Il campionato? Presto per fare bilanci. Juventus e Napoli stanno confermando le previsioni della vigilia, sono le due forze maggiormente attrezzate. Ma vedo bene anche l'Inter, la Lazio che sta facendo molto bene, la Roma che ha ottime individualità».