2 dicembre 2020
Aggiornato 22:30
Bandiera della Lazio

E' morto Giorgio Chinaglia

Aveva 65 anni, il decesso in Florida. Secondo quanto si apprende, la scorsa settimana era stato ricoverato in ospedale dopo essere stato colpito da un attacco cardiaco. Chinaglia, soprannominato Long John, era nato il 24 gennaio 1947 a Carrara

ROMA - Giorgio Chinaglia è morto. L'ex attaccante della Lazio, protagonista dello scudetto del 1974 con la squadra allenata da Maestrelli, si è spento a 65 anni in Florida. Secondo quanto si apprende, la scorsa settimana era stato ricoverato in ospedale dopo essere stato colpito da un attacco cardiaco. Chinaglia, soprannominato Long John, era nato il 24 gennaio 1947 a Carrara.

Aveva indossato la maglia della Lazio dal 1969 al 1976. Dopo avere contribuito in modo determinante allo storico scudetto del '74, il primo nella storia della società romana, si era presentato ai Mondiali di Germania '74 come centravanti titolare della Nazionale italiana. Ma, più che per le sue imprese sportive, passò alla storia per il plateale gesto di disapprovazione, in mondovisione, rivolto al commissario tecnico azzurro Ferruccio Valcareggi che aveva deciso di sostituirlo.
La carriera di Chinaglia, laureatosi capocannoniere in Serie A nella stagione dello scudetto laziale e autore del gol decisivo contro il Foggia, è legata indissolubilmente anche al Cosmos, la squadra di New York con la quale vinse quattro campionati nella North American Soccer League (1977, 1978, 1980 e 1982).

Vita complicata, la sua, dentro e fuori dal campo. Negli ultimi anni aveva avuto diversi problemi con la giustizia, con il coinvolgimento in un'inchiesta su presunte irregolarità nella scalata alla Lazio di Lotito. Nell'estate 2008 era stato colpito da un mandato di arresto per riciclaggio.