24 maggio 2024
Aggiornato 06:30
Calciopoli

Bergamo insiste: Facchetti fece il nome di Collina

Anche se l'audio dimostrerebbe l'esatto contrario l'ex designatore arbitrale: «Senza dubbio è la sua voce»

NAPOLI - Nonostante le registrazioni diffuse ieri suggeriscano l'esatto contrario l'ex designatore degli arbitri, Paolo Bergamo, insiste e afferma che nella cosiddetta «madre di tutte le intercettazioni» è «senza dubbio è la voce di Facchetti che dice 'metti Collina'».

Bergamo, imputato a Napoli per associazione a delinquere nel quadro del processo su Calciopoli, ai microfoni di RaiSport spiega la sua posizione: «Ho ascoltato la telefonata e senza dubbio è la voce di Facchetti che dice metti Collina, io gli confermo che sono 4 (arbitri; ndr) internazionali e gli faccio i nomi. Però la voce che dice 'metti Collina' è senz'altro di Facchetti», dice Bergamo accusando il presidente dell'Inter deceduto nel 2006.

Nell'intercettazione, in cui si parla di griglie arbitrali, Bergamo parla di «un gruppo di internazionali, perché non vogliamo rischiare niente. Sono...quattro...tutti e quattro possono fare la partita. C'è...». A questo punto Facchetti dice «tu metti dentro qualche» e Bergamo, sovrapponendosi alla voce del dirigente dell'Inter, dice «Collina». Pochi secondo dopo Bergamo fa la sua lista per la griglia riguardante l'Inter e dice, iniziando da Pierluigi Collina, «c'è dentro Collina, c'è dentro Paparesta, c'è dentro Bertini e c'è dentro Rodomonti».