18 agosto 2019
Aggiornato 08:30

I team incontrano Mosley, domani annuncio scuderie 2010

Bocche cucite al vertice di Londra

LONDRA - Bocche cucite sull'incontro tra il presidente della Fia Max Mosley e i cinque rappresentati della Fota, l'associazione dei team di Formula 1. A Londra, per ribadire la loro contrarietà al tetto al budget voluto dalla Fia c'erano i team principal di Ferrari, Stefano Domenicali, di Toyota John Howett, di Brawn Gp, Ross Brawn e Red Bull, Christian Horner. Cruciale potrebbe rivelarsi la giornata di oggi quando la federazione pubblicherà la entry list con le squadre che il prossimo anno prenderanno il via al Mondiale.

Tra queste ci saranno di sicuro la Williams e la Force India che uscendo dall'associazione dei team di Formula 1, Fota, hanno deciso di partecipare al campionato 2010 senza mettere paletti e accettando di fatto le nuove regole che includono l'ormai noto budget cap fissato a quota 40 milioni di sterline. Le altre otto scuderie hanno scelto di di iscriversi, ma con riserva chiedendo la conferma delle regole del 2009, l'ufficializzazione di un nuovo Patto della Concordia da firmare entro il 12 giugno. Ma a queste si sono aggiunti altri dieci team: Prodrive, Brabham, Lola, March, Litespeed, Epsilon Euskadi, US F1, Campos Meta1, Team Superfund e Technology. La minaccia di un mondiale parallelo non è ancora stata scongiurata.