16 ottobre 2019
Aggiornato 01:30

Ecclestone non crede all'accordo: ma il circus andrà avanti

Il patron non è preoccupato per disputa tra FIA e team

MONTECARLO - Bernie Ecclestone non crede alla possibilità di un accordo tra la Ferrari e gli altri team che contestano il nuovo regolamento e la Fia. Il patron della Formula 1, a Montecarlo per il Gran Premio di domenica, dice tuttavia di non avere alcuna preoccupazione sul futuro del circus, che a suo dire «continuerà in ogni caso».

La Formula 1 - ha spiegato ieri Ecclestone - andrà comunque avanti, abbiamo contratti in tutto il mondo, con sponsor e televisioni, quindi andremo avanti». Il patron del circus non ha voluto entrare nel merito delle proteste dei team contro il nuovo regolamento, guidati dalla Ferrari: «Io sto bene dove sto», ha replicato a chi gli chiedeva da che parte della barricata si vedesse. Sulle decisioni future della Federazione internazionale, Ecclestone si è limitato a dire che «Max Mosley non subisce alcuna pressione».

Oggi la Fota, l'associazione dei team, si incontrerà nuovamente con Mosley, numero uno della Fia, per tornare a discutere la questione.