16 ottobre 2021
Aggiornato 04:00
Dopo un anno e mezzo di lavori, finalmente il grande giorno per Mario Macalli è arrivato

Dopo il nome, la “nuova” Lega Pro di Macalli cambia anche sede

E' insomma la stagione dei grandi cambiamenti: è appena stata modificata la denominazione sociale, ora si chiama Lega Pro e non più Lega C

Dopo un anno e mezzo di lavori, finalmente il grande giorno per Mario Macalli è arrivato. Alla presenza di Michel Platini, presidente della UEFA, di quello della Federcalcio Giancarlo Abete, dell'assessore allo sport del Comune di Firenze Eugenio Giani, del capo dell'ufficio legale dell'ente europeo Infantino, e di altri dirigenti, sarà inaugurata la nuova sede della Lega. L'appuntamento è per oggi, martedì, alle ore 17.

E' insomma la stagione dei grandi cambiamenti: è appena stata modificata la denominazione sociale, ora si chiama Lega Pro e non più Lega C, con lo stesso numero di squadre divise in due gironi di prima e tre di seconda divisione. Saranno così aperti i nuovi uffici, comodissimi da raggiungere a piedi dalla stazione di Santa Maria Novella: basta scendere dall'uscita di destra e percorrere meno di un chilometro in direzione di Porta al Prato. Oppure, non appena la linea n.1 del nuovo tram sarà pronta, questione di mesi, basterà salire e scendere alla prima fermata. L'edificio bianco, ex villa padronale, è lì proprio all'angolo con il viale.

Per la nuova sede hanno lavorato in tanti, ma un aiuto particolare è venuto a Macalli da parte del presidente del Monza Begnini e dall'avvocato Bonanni che ha curato la parte burocratica. Splendidi lampadari sono arrivati da Murano. L'edificio è diviso in tre parti per un totale di circa 2000 metri quadrati, all'ingresso ci sono le sale riunioni con la principale che può ospitare un'assemblea con 120 posti a sedere. Due di questi saloni hanno un soffitto con affreschi d'epoca che lasciano a bocca aperta. Al terzo piano ci sono gli uffici per il personale, in un edificio staccato, ex limonaia, quelli della Calcio Servizi, società gemella della Lega. Un parcheggio interno privato può ospitare circa 40 auto. Anche l'operazione economica è stata esemplare: anticipo per l'acquisto dell'immobile con il montemulte che giaceva in Lega in attesa di essere utilizzato, quota di mutuo annuale esattamente pari alla cifra che la vecchia Lega pagava di affitto nell'angusta sede di via Pierluigi da Palestrina. Sroricamente questa è la quarta sede, sempre fiorentina, da quando esattamente 50 anni or sono Artemio Franchi costituì la Lega Semiprofessionisti.

Dopo i discorsi di rito, gli invitati si trasferiranno in un elegante albergo sul Lungarno per completare la serata. Michel Platini si fermerà poco tempo perchè preso dai suoi mille impegni di presidente Uefa che dovrà ripartire nella stessa giornata.