25 settembre 2018
Aggiornato 19:00

Bimbo urla e «ringhia» all’asilo. La naturopata lo cura con la saliva di cane rabbioso

Una naturopata afferma di aver curato con successo un bambino «difficile», grazie alla saliva di cane rabbioso. Ma le polemiche non mancano
Bambino ringhia all'asilo. La naturopata lo cura con la saliva di cane rabbioso
Bambino ringhia all'asilo. La naturopata lo cura con la saliva di cane rabbioso (Andriy Markov | Shutterstock)

Una notizia che sembra essere appena uscita da un film di fantascienza, ma che è – ahimè – proprio vera. Il caso è stato recentemente riportato sul famoso quotidiano The Washington Post: una naturopata canadese afferma di essere riuscita a guarire un bambino piccolo affetto da problemi comportamentali. Aveva l’abitudine di urlare, nascondersi sotto i banchi e ringhiare ai suoi compagni. Ma grazie a un prodotto derivato dalla saliva di cane rabbioso, sarebbe cambiata in breve tempo. Le polemiche, ovviamente, non mancano. Ma quanto c’è di vero nella sua presunta (o reale) guarigione?

Preoccupazioni dalla comunità scientifica
Inutile dire che il sistema di cura ha suscitato non poche perplessità da parte della comunità scientifica. E i motivi sono diversi: il primo – e più ovvio – è che non si può certo stare tranquilli utilizzando un prodotto di questo genere. Il secondo è che si tratta di un farmaco omeopatico, non ben visto dalla maggior parte dei medici. D’altro canto il rimedio – noto anche con il nome di lissinum – è stato regolarmente approvato dal governo canadese.

La naturopata
A curare il piccolo sembra essere stata una naturopata di nome Anke Zimmermann, la quale, nel mese di febbraio, avrebbe usato la saliva di cane per curare un bambino di 4 anni che all’asilo faceva disperare maestra e compagni. Pare che tutti si lamentassero perché aveva l’abitudine di nascondersi sotto i tavoli e ringhiare alla gente. L’idea dell’utilizzo del lissinum le è venuta dopo aver appreso che il piccolo era stato morso in passato da un cane.

Chi ha bisogno della saliva di cane?
«Le persone che hanno bisogno di Lyssinum, noto anche come Hydrophobinum, hanno spesso paura del buio, dei cani, anche dell'acqua, hanno difficoltà ad addormentarsi e sono eccessivamente eccitabili. L'aggressività può anche essere una caratteristica forte, e possono sognare spesso cani, lupi e di essere attaccati. Questo può persino trasformarsi in una psicosi vera e propria», scrive Zimmermann nel suo blog.

Guarigione miracolosa?
La naturopata ritiene che il bambino sia guarito miracolosamente e i primi segni si sarebbero evidenziati poco dopo la somministrazione del rimedio. «Nel giro di un minuto o due, Jonah mi ha sorriso in modo molto ampio e magnifico, come se tutte le luci fossero state accese. L’ho salutato e ho sentito un caldo sentimento di speranza per questo ragazzo», continua Zimmermann. Nonostante l’apparente bella notizia, Bonnie Henry, ufficiale sanitario provinciale della Columbia Britannica ritiene che questo genere di trattamento potrebbe essere rischioso per molte persone.

Quali prove abbiamo?
Si sa che quando si parla di omeopatia, le prove in ambito scientifico scarseggiano. Per non dire che sono pressoché nulle se non considerano gli studi contenenti bias. «Non ci sono prove che io sappia che Lyssinum abbia qualche beneficio terapeutico. Ancora più importante, sono preoccupato che se un prodotto contenesse effettivamente ciò che afferma, ovvero la saliva di un cane rabbioso, potrebbe mettere il paziente a rischio di contrarre la rabbia, una malattia grave e fatale», ha dichiarato Henry a Washington Post. La patologia, infatti, viene trasmessa proprio per mezzo della saliva di un cane infetto.

Il pericolo dell’omeopatia
«Anche se credo che l'omeopatia abbia un ruolo complementare per alcune famiglie nella loro salute, temo che alcune persone possano ritardare o evitare trattamenti efficaci comprovati affidandosi esclusivamente all'omeopatia», continua Henry che è anche professore presso l'Università della British Columbia. D’altro canto Phillipa Stanaway, del College of Naturopathic Physicians della British Columbia, ha dichiarato all’HuffPost che Zimmermann è una naturopata in piena regola e che il lyssinum è un trattamento approvato dalle autorità competenti. «Lyssinum non è escluso dalla farmacopea per i medici naturopati. L'omeopatia, che include l'uso di sostanze come il lissinum, è una modalità tradizionale con una lunga storia nel campo della pratica naturopatica; è ancora usato da alcuni medici naturopati oggi». Ma Henry non sembra essere d’accordo e ha intenzione di chiedere alle autorità canadesi di rivedere l’approvazione del rimedio omeopatico.