23 febbraio 2020
Aggiornato 22:00
Sesso e Facebook

Donna adesca adolescenti sul web e ha rapporti sessuali con loro: condannata

Una giovane donna adescava gli adolescenti attraverso giochi di ruolo per avere rapporti sessuali con loro

Il web potrebbe essere considerato una delle più importanti risorse di informazione. Pratico, veloce, disponibile a tutti e contenente documenti in qualsiasi lingua. Tuttavia, essendo un vero e proprio mondo a sé, presenta anche notevoli risvolti negativi. La maggior parte di questi si trovano nei social network. Seppur si tratta di un metodo per divertirsi e comunicare con il resto del pianeta, è anche vero che il rischio di cadere in qualche trappola è sempre alle porte. Ed è, infatti, accaduto ad alcuni ragazzi adolescenti che sono stati adescati da una donna per avere dei rapporti sessuali con lei.

Sesso in campeggio
Il suo nome è Rhiannon Elisabeth Scott, non è una ragazzina, bensì una donna di 24 anni. Il suo maggior divertimento era quello di fare giochi di ruolo sul web. Ed è proprio attraverso questi che adescava i giovani ragazzi. L’ultimo, un 14enne con cui ha fatto sesso in un campeggio. Una volta scoperta, la Scott è stata condannata a due anni di reclusione.

Mai più internet
Pare che questo non fosse affatto il primo caso ma che avesse adescato altri ragazzini della stessa età, sempre con giochi di ruolo. La polizia ha registrato la donna come molestatrice sessuale, secondo quanto dichiarato dall’avvocato dell’accusa Anna Pope. Inoltre, il giudice Rhys Rowland ha richiesto che venissero adottati, per almeno dieci anni, misure restrittive per evitare che ciò accadesse di nuovo. Tra queste anche il divieto di usare internet.

La vicenda
Scott ha ammesso le sue colpe e ha raccontato di aver avuto rapporti sessuali con ragazzini di 14 e 15 anni. L’ultima vittima era un utente di Facebook dall’età di 12 anni ed era un fruitore quotidiano di giochi di ruolo. Durante questi, Rhiannon Elisabeth Scott, utilizzò le vesti di una barista, ciò le ha consentito di entrare sempre più in confidenza con gli altri giocatori, compreso il 14enne.

Ci fidanziamo?
Nonostante l’età, Scott ha anche assunto appositamente comportamenti piuttosto infantili chiedendo al ragazzo se voleva essere il suo fidanzato. E questo lo ha fatto ancor prima di incontrarsi. Ma non solo: si erano anche scambiati diverse foto a sfondo sessuale. Dopo essersi incontrati in un campeggio, hanno fatto sesso all’interno di una tenda. Proprio in quel momento, il livello del fiume che era accanto a loro si è alzato improvvisamente. A tal punto che i due giovani si sono visti costretti a chiamare i soccorsi. La coppia è rimasta intrappolata per ben 5 ore prima dell’arrivo dei vigili del fuoco, elisoccorso e paramedici i quali hanno subito constatato che la donna aveva avuto rapporti sessuali con un minorenne.

La difesa
La 24enne si è difesa affermando che era completamente all’oscuro dell’età del ragazzino: pensava avesse 20 anni. D’altro canto il suo avvocato, Andrew Green, ha dichiarato che la sua assistita aveva una storia di problemi di salute mentale. Tant’è vero che ha mostrato alcuni rapporti psichiatrici stilati da medici. La donna era anche madre di due figli.