22 febbraio 2020
Aggiornato 21:00
Glaucoma e vista

Glaucoma, la prevenzione apre le porte: il 16 marzo l'Open Day della Fondazione Gemelli

Venerdì 16 marzo 2018 porte aperte per visite ed esami gratuiti per la prevenzione, la diagnosi e la cura del glaucoma, prima causa di cecità al mondo

ROMA – La prevenzione così come la diagnosi precoce sono tutto nel glaucoma, la malattia degli occhi prima causa mondiale di cecità irreversibile. Solo che il glaucoma non viene diagnosticato in un caso su due. Per questo la Fondazione Policlinico A. Gemelli scende in campo anche quest'anno per incentivare la prevenzione e favorire la diagnosi precoce della patologia con una giornata dedicata prevista per il 16 marzo 2018, in occasione della settimana mondiale del glaucoma (11-17 marzo) promossa dalla World Glaucoma Association e nel nostro Paese dall'Agenzia Internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus (www.iapb.it).

Visita e screening gratis
Gli Specialisti del Servizio Glaucoma della Clinica Oculistica offriranno, gratuitamente e senza prenotazione, uno screening completo a soggetti che potrebbero soffrire di questa patologia, con misurazione della pressione oculare ed esame del nervo ottico. L'iniziativa avverrà nei locali dedicati a tale Servizio nell'ambito dell'Ambulatorio di Oculistica, al 1° Piano ala P (stanza 5) del Policlinico Universitario A. Gemelli: la successione delle visite seguirà l'ordine di arrivo attestato dal numero prelevato al consueto totem ambulatoriale (premendo il tasto 'glaucoma'), con inizio delle pratiche di accettazione per la visita previsto per le ore 9:00 e il termine alle ore 13:00.
La giornata si inserisce nell'ambito delle numerose attività di prevenzione della Società Italiana Glaucoma (S.I.GLA.), società affiliata alla World Glaucoma Association e da sempre occupata a promuovere la conoscenza della patologia sul territorio ed a divulgarne le conoscenze scientifiche tra gli operatori sanitari tramite congressi, corsi teorico-pratici e simposi a diffusione locale e nazionale. L'iniziativa si svolge in 14 centri italiani.

Il glaucoma
Il glaucoma è una malattia del nervo ottico caratterizzata da un progressivo e irrecuperabile danno al campo visivo che può portare progressivamente, se non trattato, alla cecità. Il suo fattore principale di rischio è un'elevata pressione intraoculare. A oggi, soffrono di glaucoma 65 milioni di persone al mondo (dei quali 5 milioni sono irreversibilmente ciechi), ma circa il 50% di essi non ne è a conoscenza. La ricerca dei soggetti a rischio, come per esempio coloro che hanno familiarità, è fondamentale per la prevenzione e la cura del glaucoma al fine di evitare la disabilità visiva permanente.

L'ambulatorio
L'ambulatorio di glaucoma e perimetria del Policlinico Gemelli è un servizio nato circa 40 anni fa per la diagnosi, cura e monitoraggio della patologia glaucomatosa. A tale servizio afferisce un bacino d'utenza di oltre 2.000 pazienti provenienti dalle province laziali e da alcune regioni dell'Italia meridionale (Campania, Puglia, Basilicata), che vengono sottoposti a visite periodiche con intervalli temporali che vanno da un anno a ogni tre mesi a seconda della gravità della patologia.

Le visite
Le visite ambulatoriali eseguite dal lunedì al giovedì sono 2.500-3.000 all'anno e, dopo un'approssimativa valutazione dell'acuità visiva, consistono prevalentemente in un'accurata misurazione della pressione intraoculare e un'approfondita indagine delle strutture del segmento anteriore (gonioscopia statica e dinamica inclusa) e posteriore oculare alla ricerca delle cause e delle conseguenze della malattia glaucomatosa, con il fine ultimo di stabilire l'opportunità di iniziare, mantenere o modificare una terapia mirata. A tali visite di base sono spesso associate tutta una serie di prestazioni a elevata specializzazione ad oggi indispensabili per l'approfondimento diagnostico (stimabili in circa 2.500 annue), tra cui la valutazione ultrasonica dello spessore corneale centrale (pachimetria corneale) e soprattutto lo studio ecografico (UBM) e/o tomografico (OCT) delle strutture di deflusso presenti nell'angolo della camera anteriore oculare e gli esami funzionali (campo visivo computerizzato e manuale, esami elettrofisiologici) e strutturali (OCT delle fibre nervose retiniche, del disco ottico e delle cellule ganglionari maculari) del nervo ottico, bersaglio ultimo del glaucoma.