20 ottobre 2018
Aggiornato 14:31

Arriva il sito antibufale o fake news sulla salute: sbarca sui social Dottoremaèveroche.it

La Federazione nazionale ordini medici chirurghi e odontoiatri ha messo online il sito Dottoremaeveroche, per combattere le bufale e la fake news sulla salute
Fake news su Internet
Fake news su Internet (panuwat phimpha | shutterstock.com)

ROMA – Trovare risposte ai propri dubbi o fare chiarezza. «Finalmente dottoremaeveroche.it sbarca sui social! Inviateci le vostre domande tramite messaggi, commenti o l'hashtag #dottoremaeveroche e i nostri medici cercheranno di sciogliere i vostri dubbi con fonti affidabili, rigorose e indipendenti certificate da FNOMCeO». Questo il primo post sulla pagina Facebook e sull'account Twitter (@dottoremaevero) del sito 'antibufale' della Fnomceo, Dottoremaeveroche, che si propone di portare un po' di chiarezza nell'informazione sulla salute, settore 'sensibile' e a rischio di 'fake news'.

Appena inaugurato
Ieri alle 14:00 c'è stata l'inaugurazione 'ufficiale' delle pagine, con la pubblicazione, in contemporanea sui nostri e sui loro account, del video degli Actual (@actualproduction), il duo comico diventato famoso sui social per i filmati virali che prendono in giro i luoghi comuni della capitale. Nella clip promozionale di Dottoremaeveroche immaginano cosa succederebbe se, nella vita reale, dessimo ascolto a tutti i consigli di salute, anche i più strampalati, che si trovano sul web.

Tutti i servizi del sito
Sugli account social ufficiali di Dottoremaeveroche si potranno trovare le schede e gli articoli del sito, alcune anche in anteprima, brevi video, ma anche porre domande, dubbi e curiosità: quelli più 'gettonati' saranno oggetto di nuovi contenuti. Il tutto nel nome della buona informazione sulla salute che non può mai sostituire il rapporto con il medico, ma diventa anzi una delle basi della relazione di cura. Perché, come scrivono gli Actual nei titoli di coda, «Con la salute non si scherza - Chiedi al tuo medico - impara a riconoscere siti affidabili: tutto questo è TOP!».