10 dicembre 2018
Aggiornato 02:30

Influenza suina shock, c'è un nuovo morto a Olbia

La vittima dell'influenza suina o H1N1 in Sardegna è un uomo di 60 anni. Altre tre persone sono state contagiate, tra cui una donna in gravidanza
Influenza suina o H1N1
Influenza suina o H1N1 (Shutterstock.com)

SARDEGNA – Ci mancava anche l'influenza suina, non bastava quella che ha messo a letto 8 milioni di italiani quest'anno. E che si è rivelata una tra le più 'cattive' degli ultimi anni. La notizia triste è che ieri pomeriggio un uomo di 60 anni è morto all'ospedale Giovanni Paolo II di Olbia dove era ricoverato nel reparto Rianimazione dopo essersi presentato al pronto soccorso con problemi respiratori e febbre molto alta.

E' influenza suina
Dopo che l'uomo è stato ricoverato, le analisi condotte dai sanitari hanno permesso ai medici di diagnosticare un'infezione da virus H1N1. Nonostante ciò, le condizioni dell'uomo, anche se gravi, erano all'apparenza stabili. Il problema è sorto nel pomeriggio di ieri quando una improvvisa crisi lo ha portato alla morte.

Il terzo caso
Sebbene ancora non si sa se si tratti dello stesso virus, quello di ieri è il terzo decesso in Sardegna, avvenuto nelle ultime settimane, per complicanze dovute all'influenza. Si dovrà accertare che tutti gli altri casi siano o meno imputabili al virus H1N1 (quello dell'influenza suina) o meno. Allo stato attuale, riportano i media locali, ci sono tre casi accertati di persone affette da virus H1N1, e che attualmente si trovano ricoverate presso l’ospedale di Olbia sotto stretta osservazione.

La mamma in coma
Sempre i media locali fanno sapere che la giovane neomamma di La Maddalena, trasferita nei giorni scorsi nel reparto di Rianimazione delle cliniche universitarie di Sassari, è in coma farmacologico. La donna, stando al resoconto dell'azienda sanitaria, si era presentata all’ospedale di Olbia mentre era alla 26esima settimana di gravidanza. Anche lei era stata colpita dal virus della febbre suina H1N1. Vista la situazione e il potenziale pericolo, i medici hanno deciso di far nascere il bimbo d'urgenza, cosa che è stata fatta con il parto cesareo. Il neonato si trova anch'esso a Sassari, nel reparto di terapia intensiva neonatale. Le sue condizioni sarebbero buone.