20 ottobre 2019
Aggiornato 18:30
Sogni lucidi

Entrare nei sogni e modificarli: tre tecniche per riuscirci

Prendere consapevolezza che si tratta solo di un sogno e cercare di modificarlo a proprio piacimento. Questa la sfida di alcuni scienziati che indicano tre tecniche per riuscirci

Entrare nei sogni e modificarli: tecniche di sogno lucido
Entrare nei sogni e modificarli: tecniche di sogno lucido Shutterstock

Spesso passiamo la notte a fare sogni meravigliosi e al risveglio è un vero peccato rendersi conto che è tutto finito. Altre volte, invece, tiriamo un sospiro di sollievo appena comprendiamo che – per fortuna – si trattava solo di un incubo. Ma la vera sfida è entrare nei sogni e modificarli a nostro piacimento. Ad accedere a questo arcaico (e misterioso) mondo ci sono riusciti alcuni ricercatori Australiani. Eccome come ci sono riusciti.

Scegli il finale
Vorremmo farlo anche nella vita: scegliere il finale che amiamo di più. Purtroppo per noi non ci è concesso e ogni giorno siamo vittime delle scelte nostre, altrui e di quelle di popolazioni intere. Ma almeno nei sogni, visto che letteralmente non fanno parte della realtà, vorremmo riuscire a essere attori consapevoli. In questo modo potremmo scegliere di modificare ciò che sta accadendo a nostro piacimento e, magari, trasformare quello che aveva tutto l’aspetto di un incubo, in un sogno meraviglioso.

Tre tecniche per interagire con i tuoi sogni
Le hanno sperimentate alcuni ricercatori dell’Università di Adelaide, in Australia: si tratta di tre tecniche – per lo più molto semplici – che chiunque può mettere in pratica. In questo modo si possono ottenere dei sogni lucidi, ovvero si acquista la consapevolezza di essere dentro un sogno e si cerca di modificare gli avvenimenti.

Lo studio
Per fare alcune sperimentazioni, i ricercatori sono stati coordinati dal professor Denholm Aspy della Scuola di Psicologia, arruolando 169 persone. Tutte hanno dovuto eseguire una delle tre tecniche consigliate dagli scienziati. Mentre un gruppo a parte di 47 persone, ha dovuto testarle tutte e tre. In una sola settimana, quest’ultimo gruppo, è riuscito ad ottenere un successo superiore del 17%.

Le tecniche per indurre il sogno lucido:

Test di verità. Si tratta di un metodo che prevede il controllo circostante dell’ambiente in cui si vive. Quando si è svegli, in pratica, bisogna imparare a essere consapevoli che si tratta di realtà. In questo modo, durante il sogno, si avrà la percezione del sogno perché non si riconosceranno gli ambienti e le sensazioni che si sono avute durante lo stato di veglia.

Rimani sveglio: si tratta di un metodo un po’ più complicato perché per metterlo in pratica è d’obbligo svegliarsi dopo cinque ore e poi si deve rimanere svegli per un breve periodo, cercando di rimanere consapevoli della tecnica che si intende utilizzare. Quando ci si riaddormenta generalmente si entra nella fase REM in cui i sogni divengono più vividi: in questo momento bisogna tentare di modificare il proprio sogno prendendo consapevolezza che si tratta , appunto, di irrealtà.

MILD (induzione mnemonica di sogni lucidi): in aggiunta alla precedente tecnica, c’è l’ultimo che è molto simile, con l’unica differenza che prima di tornare a dormire bisogna cercare di sviluppare l’intenzione di ricordare che si sta sognando. Questo escamotage prevede l’utilizzo della memoria prospettica, ovvero la capacità di ricordare di svolgere azioni che avverranno in futuro.

Un passo avanti
«I risultati ci portano un passo avanti verso lo sviluppo di tecniche di induzioni lucide efficaci, che ci permetteranno di studiare i numerosi vantaggi potenziali del sogno lucido, come il trattamento per gli incubi e il miglioramento delle abilità attraverso la prova nell’ambiente del sogno lucido», conclude Aspy.