6 giugno 2020
Aggiornato 23:00
Ricette

Latte di nocciole: la ricetta per farlo in casa

Come preparare il latte vegetale di nocciole: i trucchi per farlo più veloce e saporito, le proprietà e la conservazione

Ricetta del latte vegetale alle nocciole
Ricetta del latte vegetale alle nocciole Shutterstock

Tra tutti i latti vegetali quello alla nocciola è senz’altro il più gustoso, sano e nutriente. Si trova facilmente in commercio ma realizzarlo con le proprie mani è tutt’altra cosa – soprattutto in termini di ingredienti, gusto e soddisfazione.

I benefici del latte di nocciola
Il latte di nocciola, come è facile intuire, contiene in sé tutte le virtù di questo fantastico frutto. La bevanda che si ottiene, quindi, è ricchissima di minerali come magnesio, potassio, calcio e fosforo. È anche un concentrato di antiossidanti, grazie al contenuto di vitamina E. In questo caso la preparazione casalinga – e quindi l’utilizzo immediato – po' fare davvero la differenza. La vitamina E, poi, è molto utile per contrastare alcuni tipi di cancro come quelli delle vie urinarie.

Protegge il cuore
Il latte di nocciola è ricco di fitosteroli e grassi insaturi, due sostanze utili al benessere cardiovascolare. Inoltre la presenza di acido oleico lo rende un prezioso alimento per migliorare i livelli di colesterolo HDL. Il magnesio di cui sono ricche le nocciole ne completa l’effetto protettivo nei confronti del cuore.

La ricetta del latte di nocciole
Preparare il latte di nocciole è molto semplice e veloce. Si può realizzare anche con gli appositi estrattori: se li avete in casa il procedimento sarà decisamente più rapido. Ecco gli ingredienti che occorrono:

  • Ingredienti per il latte di nocciole
  • 200 grammi di nocciole
  • 800 ml 1 litro di acqua
  • Vaniglia in polvere
  • Un pizzico di sale
  • Cacao amaro (facoltativo)

Preparazione del latte di nocciole
Pronti per preparare il latte di nocciole? Oltre agli ingredienti succitati avete bisogno di qualche attrezzatura casalinga: un cutter da cucina o un frullatore, un canovaccio pulito, un colino grande, una ciotola e una bottiglia in vetro cui poter travasare il prodotto ottenuto.

  • 1) Tosta le nocciole
    Per prima cosa è necessario tostare le nocciole. Se non lo fate il risultato non sarà ottimale e avrete un latte dal sapore eccessivamente delicato. Poni le nocciole (puoi usarle già sgusciate se vuoi) su una leccarda coperta con carta da forno e lasciale tostare dieci minuti a 150 gradi Centigradi. Saranno pronte quando sentirai diffondersi l’aroma del frutto.
  • 2) Riscalda l’acqua
    Prendi un litro di acqua e falla scaldare a circa 4045 gradi Centigradi. Se non hai il termometro, verifica che la temperatura sia più alta di quella delle tue mani ma che non scotti eccessivamente al tatto.
  • 3) Versa le nocciole nell’acqua
    A questo punto versa le nocciole nell’acqua appena riscaldata. Non eliminare la pellicina esterna: oltre a essere ricca di virtù salutari conferisce un sapore eccellente al latte. Lasciale in infusione per un paio d’ore o più. Meglio ancora se avrai cura di mantenere la temperatura dell’acqua più o meno alla stessa temperatura
  • 4) Frulla le nocciole
    Terminato il tempo di riposo versa l’intero contenuto in un cutter da cucina o in frullatore. Le nocciole dovranno essere sminuzzate molto e piccoli pezzettini dovranno essere impercettibili. Una volta che il composto ottenuto sarà omogeneo bisognerà farlo riposare all’interno del latte circa dieci minuti.
  • 5) Filtra le nocciole
    Il prodotto è quasi pronto: per ottenere un vero e proprio latte è necessario eliminare la parte solida, quindi tutte le nocciole. Per farlo dovete munirvi di un grosso colino e foderarlo con un canovaccio pulito (e lavato senza ammorbidente se non volete aggiungere anche quello al vostro latte). Versate tutto il contenuto e attendete con pazienza che il prodotto venga filtrato: aiutatevi girando il composto con un cucchiaio in legno. Se necessario, il latte può essere filtrato più volte
  • 6) Insaporisci il latte
    Il nostro latte è praticamente pronto: dobbiamo solo aggiungere un pizzico di sale, un po’ di vaniglia in polvere (o essenza, se preferite) e una spolverata di cacao. Quest’ultimo ingrediente non è essenziale e può essere aggiungo anche al momento del consumo, in superficie. Chi lo desidera può anche aggiungere un poco di zucchero per dolcificare.
  • 7) Conservalo in frigo
    Il latte va travasato in una bottiglia in vetro e conservato in frigo per un massimo di due o tre giorni. Anche il residuo delle nocciole può essere conservato in un contenitore a chiusura ermetica e utilizzato per la preparazione di torte e biscotti.

Un consiglio: se volete essere certi che i fitati siano eliminati, si possono mettere le nocciole preventivamente a bagno per una notte e l’indomani mattina eseguire tutto il resto del procedimento. Tuttavia va detto che, in tal caso, il latte avrà un sapore di nocciole meno marcato.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal