25 settembre 2020
Aggiornato 18:30
Speciale Festival Dell’Oriente

Festival dell’Oriente: le campane tibetane per il benessere di corpo e mente

Il suggestivo suono emesso dalle campane Tibetane: dall’Oriente a Diario Salute TV

Al Festival dell’Oriente abbiamo anche incontrato Niranjana che ci ha spiegato quali sono gli importanti effetti sulla salute che offrono le campane tibetane. Nel video potrete ascoltare il suggestivo suono e le incredibili vibrazioni che solo una campana tibetana può dare.

Per il benessere di corpo e mente
«Le campane tibetane sono ottime per la salute sia fisica che mentale – spiega Niranjana a Diario Salute TV – promuove la pace interiore, portandola all’interno di un individuo. È così che lui riesce a trasmetterla anche all’esterno.  È un ottimo metodo per accompagnare massaggi terapeutici e favorire il rilassamento. Fa bene anche alla salute dei Chakra, i sette Chakra che si trovano nel corpo delle persone».

Cosa sono le campane tibetane
Si tratta di importanti strumenti terapeutici originari di Nepal, India e Tibet. Ormai vengono prodotte industrialmente anche in molti altri Paesi, ma solo quelle artigianali sono considerate realmente efficaci. Si ritiene che le campane dotate di maggior virtù terapeutiche siano quelle realizzate a mano e provenienti dal Tibet. Ogni campana produce un suono diverso a seconda delle dimensioni – si trovano quelle da cinque centimetri di diametro fino ad arrivare a oltre mezzo metro – che dei metalli con cui viene realizzata.

L’importanza della sua composizione
Ciò che contraddistingue l’efficacia di una campana Tibetana sono i materiali con cui viene realizzata. Per essere considerata davvero «completa» deve contenere almeno i 7 metalli principali, ognuno di questi è associato alle virtù di un pianeta. Per esempio, l’oro è associato al Sole, l’argento alla Luna, mentre il rame a Venere e lo Stagno a Giove. Una delle campane migliori in termini di composizione, è quella conservata al British Museum: contiene ben 12 metalli: argento, nichel, rame, piombo, cobalto, cadmio, arsenico, zinco, ferro, antimonio, stagno e bismuto.