14 novembre 2019
Aggiornato 07:00

Matteo Salvini contro la commissione Segre: «E' sovietica, no a bavagli ai popoli»

Il leader della Lega: «L'antisemitismo è da malati di mente. Questo però è un bavaglio. Andate a rileggervi '1984' di Orwell»

Il leader della Lega, Matteo Salvini
Il leader della Lega, Matteo Salvini ANSA

ROMA - La commissione Segre è «una commissione sovietica». Lo ha detto Matteo Salvini, leader della Lega, in una diretta Facebook. «L'antisemitismo - ha detto - è una cosa da malati di mente, ma un altro paio di maniche è mettere su stesso piano chi dice che gli italiani hanno una cultura, un onore, una dignità che non possono essere svenduti e messi in discussione». Dunque quella votata in Senato è una «commissione sovietica: andate a rileggervi '1984' di Orwell, gli psicoreati, la polizia che perseguitava il pensiero, la libertà, il cuore, l'arte, il teatro, la musica perchè facevano paura al regime. Condannare la violenza che non tornerà sì, ma imbavagliare i popoli no».

De Maria (Pd): «Salvini getta la maschera»

«Salvini getta la maschera e attacca la commissione Segre. A parole si pronuncia contro l' antisemitismo ma in realtà si oppone a chi vuole contrastarlo. La deriva continua. Chi crede nei valori della Costituzione non deve sottovalutare, prima che sia troppo tardi». Lo ha scritto su Twitter Andrea De Maria, deputato del Partito Democratico.