25 aprile 2019
Aggiornato 04:00
La Sentenza

Frasi choc contro la Boldrini, Sindaco leghista dovrà pagare 20mila euro

Camiciottoli aveva insultato sui social l'ex Presidente della Camera: «Devolverò la somma a progetti di educazione civica digitale»

L'ex Presidente della Camera, Laura Boldrini
L'ex Presidente della Camera, Laura Boldrini ( ANSA )

ROMA - «Nessuno di noi deve più piegarsi all'odio e all'insulto personale. Il risarcimento di Camiciottoli lo devolverò a progetti di educazione civica digitale». Lo scrive su Twitter Laura Boldrini, commentando la condanna a 20.000 euro di risarcimento per il sindaco leghista di Pontinvrea Matteo Camiciottoli che aveva scritto sui social una frase offensiva nei confronti dell'ex presidente della Camera.

Le motivazioni

«Deve affermarsi - scrive il giudice - che il contenuto del post pubblicato, niente ha a che vedere con la posizione politica del Camiciottoli sull’immigrazione ed è una semplice aggressione personale alla Boldrini quale donna». E ancora: «Non si tratta, in effetti, dell’augurio di uno stupro, come sostenuto dalla parte civile, ma del ricorso ad un armamentario dialettico tipicamente maschilista, in disuso da anni, almeno nei paesi occidentali, secondo cui, da un lato, una donna si contrasta più efficacemente, con battute allusive a sfondo sessuale (destinate a far sorridere un pubblico maschile, mettendo la donna al proprio posto) e dall’altro lo stupro non sarebbe in fondo cosa sgradita alla donna».

Onore e reputazione

«Un simile scadimento degli argomenti - scrive ancora il giudice - qualifica normalmente chi lo adotta, ma non per questo non lede l’onore e la reputazione della donna presa di mira che viene attaccata e dileggiata negli aspetti più intimi».