24 aprile 2019
Aggiornato 11:30
Centrodestra

Silvio Berlusconi: «Lega senza Forza Italia alle politiche? Non credo vogliano suicidarsi»

Il leader di Forza Italia al Corriere della Sera: «Noi siamo pronti al voto in ogni momento». Bernini: «Per Salvini tirare a campare con M5s è un suicidio politico»

Silvio Berlusconi e Matteo Salvini
Silvio Berlusconi e Matteo Salvini ( ANSA )

ROMA - «I rapporti personali» con Salvini «sono buoni come sempre» e «ispirati alla lealtà reciproca» dice al Corriere Silvio Berlusconi: «Noi non siamo i Cinque Stelle, che non hanno ancora sciolto la riserva su come votare al Senato sulla richiesta di autorizzazione a procedere contro Salvini». E sulla possibilità che Salvini non voglia più allearsi con Forza Italia alle prossime politiche Berlusconi replica: «Non mi risulta. Non credo che la Lega abbia la vocazione al suicidio».

Pronti al voto ogni momento

Secondo lei, si terranno prima le Europee o le Politiche? «Sono valutazioni che spettano al Capo dello Stato. Noi siamo pronti al voto in ogni momento». Il Governo giallo-verde «sono convinto che non possa durare, non perché porremo degli aut aut, ma perché li porrà la drammatica situazione del Paese», afferma Berlusconi. «Siamo in recessione, non c'è lavoro, le infrastrutture sono bloccate, il risparmio degli italiani si erode ogni giorno, le tasse salgono, il debito aumenta, gli investitori internazionali se ne vanno, siamo isolati in Europa. È la realtà che pone un ultimatum, non noi».

La Lega corre da sola in Piemonte?

«Questa è un'illazione giornalistica che non prendo neppure in considerazione. Conosco non solo la lealtà ma anche l'intelligenza politica di Salvini, che non compirebbe mai una scelta così assurda. Annunceremo nelle prossime ore il candidato comune, concordato con Salvini e la signora Meloni, per il Piemonte e la Basilicata».

Bernini: Per Salvini tirare a campare con M5s è un suicidio politico

«La politica dei due forni praticata dalla Lega - coi Cinque stelle al governo e col centrodestra nelle regioni e nei comuni - non è destinata a durare nel tempo, è forse un'esigenza tattica di breve periodo ma non può diventare un asset strategico. Come ha detto stamani il presidente Berlusconi nell'intervista al Corriere della Sera, rinunciare alla tradizionale alleanza di buongoverno con Forza Italia per Salvini sarebbe un suicidio politico, perché le divisioni sempre più marcate nell'attuale maggioranza - Tav, economia, politica estera, giustizia - lo stanno letteralmente portando in un vicolo cieco. E dunque l'accanimento terapeutico nel tenere in vita questo governo sarebbe un suicidio politico non solo per la Lega, ma per l'Italia intera». Lo dichiara Anna Maria Bernini, capogruppo di Forza Italia al Senato.

Gelmini: Salvini non tradisca gli elettori

«Più che per la coalizione di centrodestra, noi siamo preoccupati per l'Italia. L'alleanza Lega-M5S è innaturale e sta portando tanti danni a questo Paese. Ci sono i temi della Tav, dell'immigrazione, del lavoro, delle tasse. Questo governo è di lotta e di governo: prova a fare l'opposizione e anche la maggioranza. Però quando si passa dalla propaganda ai fatti concreti il risultato è che l'Italia si trova in recessione. Ci auguriamo, pertanto, che la fine di questo governo giunga molto presto, perché questo esecutivo non è utile al Paese. Esponendoci a livello internazionale a figure di palta, come, ad esempio, schierarsi con Maduro sulla crisi del Venezuela». Lo ha detto Mariastella Gelmini, presidente dei deputati di Forza Italia, nel corso di un'intervista a «Rtl - No stop news» (Rtl 102.5).