10 dicembre 2019
Aggiornato 22:00
L'inchiesta

Tangenti Lombardia, il Procuratore: «Pochi Magistrati e divise contro crimine organizzato»

La conferenza stampa in procura a Milano per spiegare i dettagli dell'inchiesta sugli appalti che ha portato a 43 misure di custodia cautelare, tra loro politici e imprenditori

Video Agenzia Vista

MILANO - «Siamo pochi a combattere e contrastare la criminalità organizzata: in questo momento la Dda di Milano sta facendo tante indagini, ma è sotto organico». Lo ha detto il capo della procura di Milano, Francesco Greco, parlando con i giornalisti durante la conferenza stampa in procura per presentare l'indagine su corruzione e turbativa d'asta che ha portato stamattina a 43 ordinanze di custodia cautelare tra la Lombardia e il Piemonte.

La Dda di Milano è sotto organico

«La nostra preoccupazione in questo momento è che, sia come forze dell'ordine che come magistratura, siamo pochi per combattere e contrastare la criminalità organizzata. In questo momento la Dda di Milano sta facendo tante indagini, ma è sotto organico. L'organico complessivo della procura di Milano non è congruo - ha evidenziato il numero uno - gli organici non sono paragonabili agli affari che questi edifici trattano». Secondo Greco, non perché «un Tribunale che funziona deve essere penalizzato, deve funzionare con organici congrui».