13 novembre 2019
Aggiornato 17:30
Genova

Cani in corsia, successo per la prima giornata di pet therapy all'Istituto Doria

 "I cani danno spunti per potersi muovere - spiega il commissario Brignole Marco Sinesi - uscire e iniziare a interagire con l'ambiente. In questo modo possiamo stimolare a nuovi interessi". La sperimentazione andrà avanti per tre mesi e potrebbe essere proposta anche ad altre strutture ospedaliere

Jean, il cane da pet therapy dell'associazione Archipet
Jean, il cane da pet therapy dell'associazione Archipet ANSA

GENOVA -  Ottimi risultati all'Istituto Doria per la prima giornata di "pet therapy" con i ricoverati. «Per un paziente che vive all' interno del suo mondo e non ha contatti con la realtà esterna un sorriso sarebbe già un grande risultato", di sorrisi all'istutito se ne sono visti, e molti, fin dalla comparsa di Jean, il cane dell'associazione Archipet che ha portato attimi di gioia agli ospiti assicurando il successo di questa prima sperimentazione.

IL PROGETTO - Il progetto è partito dai lavoratori della Rsa e, come spiega Monica Gagliotti, assistente sociale ex Brignole: ««La sperimentazione durerà tre mesi, dove verranno monitorati due gruppi di pazienti con patologie differenti, ogni gruppo lavorerà in maniera autonoma»

'LAVORO' DEI CANI - «I cani danno spunti per potersi muovere - spiega il commissario Brignole Marco Sinesi - uscire e iniziare a interagire con l'ambiente. In questo modo possiamo stimolare a nuovi interessi».

IN ALTRE STRUTTURE - La sperimentazione potrebbe entrare anche in altre strutture ospedaliere. «Il mio impegno è prendere come esempio queste buone pratiche» ha detto l'assessore alla Sanità Sonia Viale.