23 settembre 2018
Aggiornato 08:00

Eventi a Bologna, 7 cose da fare mercoledì 14 marzo

Dalla musica, alla comicità, dal cinema, al teatro. Ecco cosa vi attende in città ed una piccola guida per non perdere gli appuntamenti migliori
Bologna, 7 cose da fare mercoledì 14 marzo
Bologna, 7 cose da fare mercoledì 14 marzo (ANSA)

BOLOGNA – Concerti, risate, spettacolo e tanto altro. Ecco qualche consiglio per non lasciarsi sfuggire i momenti più interessanti del mercoledì sera bolognese.

Negrita in città
A La Feltrinelli Bologna, dalle 18, i Negrita presentano il loro nuovo lavoro «Desert yacht club». La partecipazione all’evento è libera e gratuita. Per avere accesso prioritario al firma copie, acquista il cd alla Feltrinelli che ospita l’evento e ritira il pass.

Cinema
Il Festival Tout Court dà il benevenuto a tutti all'edizione 2018, la terza consecutiva, al cinema Lumière, il 14 e il 15 marzo. In programma venti cortometraggi realizzati negli ultimi due anni, che celebrano la varietà artistica dei paesi francofoni. Dal Belgio al Senegal, dal Canada alla Guadalupa, queste serate bolognesi vi faranno fare il giro del mondo anche grazie ad un aperitivo offerto tra le due proiezioni giornaliere. Tutti i film saranno proiettati in lingua originale con sottotitoli in italiano.

A teatro
A Teatri di vita, in scena «Speer, architettura elè potere». Albert Speer è l’architetto di Hitler, l’uomo che ha modellato le sue monumentali ambizioni architettoniche e ne ha disegnato l’immagine di potere. Processato a Norimberga, fu rinchiuso fino al 1966 nel carcere di Spandau, e morì a Londra nel 1981. In questo spettacolo, ispirato ai Diari segreti di Spandau scritti durante i 20 anni di carcere, l’architetto del potere, ha soltanto un’ora di tempo per raccontare la sua colpa e convincere gli spettatori a emettere una sentenza. Perché l’ambizione divorante, l’ossessione per l’ideale di bellezza, il desiderio di creare un mondo nuovo e il dubbio se vendere l’anima al diavolo o battersi contro le ideologie dominanti, sono le domande di ogni essere umano al cospetto delle atrocità del mondo. La struttura scenica rispetta le dimensioni della cella di Speer nella prigione di Spandau: 3 metri di lunghezza e 2,70 di larghezza. E’ qui, nella penombra che Speer, architetto della luce, si condanna e si giustifica al tempo stesso.

Comicità
Al Teatro Il Celebrazioni, in scena Paolo Migone, in «Completamente spettinato». Divertirsi e allo stesso tempo fare del bene è possibile? Grazie a Couponlus, sì. Il quarto appuntamento con il progetto «Risate di...cuore» è fissato per il 14 marzo con Paolo Migone che si esibirà in Completamente spettinato. «L'Ikea nooo...», questa e tante altre sono le gag più riuscite del celebre comico livornese che porterà in scena lo spettacolo Completamente spettinato. Il tema del rapporto tra l'uomo e la donna, o meglio la loro incompatibilità cronica, sarà sviluppato in una versione rinnovata e arricchita dal talento dell'artista affermatosi come uno dei più travolgenti comici di Zelig. L'intero ricavato della serata sarà devoluto ad Ageop (Associazione Genitori Ematologia Oncologia Pediatrica).

Musica live
Mercoledì 14 Marzo, alle 22, alla Cantina Bentivoglio, il Dino Rubino Quartet, Dino Rubino, pianoforte e flicorno Emanuele Cisi, sax Stefano Senni, contrabbasso Adam Pache, batteria Primo dei 4 appuntamenti del Tour Tǔk. Tǔk Music è oggi una famiglia creativa nella quale confluiscono artisti che hanno voglia di condividere un pensiero musicale ma che, e soprattutto, hanno voglia di camminare uniti per la costruzione di una nuova idea e di una nuova e coraggiosa filosofia musicale in risposta alla crisi imperante e alla disattenzione del nostro Paese. Tour Tǔk è, in sintesi, una sorta di celebrazione «live» della coraggiosa avventura discografica creata da Paolo Fresu. Il nuovo progetto di Dino Rubino nasce da un arcobaleno di emozioni, intuizioni, pensieri, sensazioni che spesso non trovano risposte, veicolati da un solo mezzo espressivo: la musica, non solo quella suonata dai musicisti che compongono questo quadro. Il quartetto - formazione tra le più significative della storia del jazz – è composto da quattro strumenti che dialogano tra loro come fossero una unica voce e si muovono seguendo un sentimento univoco di profonda serenità e armonia.

Concerti
Al Bravo Caffè, dalle 22, Il Trio Marea. Gruppo fondato e formato da Andrea Dessì e Massimo Tagliata a cui si aggiunge in seguito Roberto Rossi, si affianca al grandissimo sassofonista argentino Javier Girotto già nell'album d'esordio «Deserto rosso» (2007). Nel 2017 la decennale colaborazione viene rinnovata con lo spettacolo «Mediterranean Symposium - 10th Anniversary». La band composta da Dessì, Tagliata e Rossi fin dall'inizio si dedica alla musica mediterranea che mescola sapientemente con il jazz e il tango.

Spettacolo
Con surreale umorismo ha prestato la voce a Donald Trump, alla Regina Elisabetta, ai Rolling Stones e al Dalai Lama. E i suoi stupefacenti doppiaggi nonsense sono diventati un fenomeno cult della rete. Mercoledì 14 marzo, per la prima volta in questa veste, il doppiatore Fabio Celenza sarà protagonista di una serata irripetibile sul palco del Locomotiv Club, fra doppiaggi dal vivo e musica. Fabio Celenza è anche un talentuoso chitarrista e suonerà qualche canzone in compagnia dell’amico Davide Shorty, secondo protagonista della serata, cantautore e rapper siciliano, che porterà a Bologna il suo «Straniero Tour». Ad accompagnarlo ci sarà la stessa band con la quale ha registrato l’album, che unisce sonorità hip-hop, jazz, soul e funk con la scuola cantautorale italiana.