20 novembre 2019
Aggiornato 03:30
Appuntamenti

Eventi a Firenze, 6 cose da fare martedì 20 febbraio

Grandi concerti, teatro, libri e cinema. Ecco cosa vi attende in città ed una piccola guida per non perdere gli appuntamenti migliori

Firenze, 6 cose da fare martedì 20 febbraio
Firenze, 6 cose da fare martedì 20 febbraio ANSA

FIRENZE – Nek, Max e Renga in concerto, gli spettacoli a teatro, le rassegne cinematografiche e molto altro. Ecco qualche consiglio per non lasciarsi sfuggire i momenti più interessanti dell'inizio della settimana.

Concerti
Al Nelson Mandela Forum, tre amici. Tre grandi artisti. Tre carriere straordinarie: Nek, Max, Renga. Sono loro i protagonisti dell’imperdibile tour che caratterizzerà il 2018. Sono stati colonna sonora di intere generazioni: Max Pezzali ha venduto oltre 7 milioni di dischi, Nek é l'artista italiano più suonato dalle radio nell'ultimo anno, Francesco Renga ha una carriera caratterizzata da oltre 1850 concerti… e in questo tour si metteranno alla prova ancora una volta! Unendo le loro straordinarie carriere creeranno una miscela che si preannuncia esplosiva: sul palco, infatti, i tre protagonisti della musica italiana saranno sempre insieme, per tutta la durata dello spettacolo, reinterpretando i brani più significativi degli oltre 25 anni di carriera di ciascuno.

A teatro
Al Teatro Cantiere Florida, in scena «Frame». «Frame si ispira all’universo pittorico di Edward Hopper. Ogni sua opera è stata trattata come un piccolo frammento di racconto dal quale distillare figure, situazioni, parole. Una novella visiva, senza trama e senza finale, direbbe Cechov, una porta semiaperta per un istante su una casa sconosciuta e subito richiusa. Di Hopper non mi interessano le indubbie qualità pittoriche quanto piuttosto la capacità di imprimere sulla tela l’esperienza interiore. Ricrearla in scena. Farla vedere, anche solo per un istante. Nei suoi quadri non vi è alcuna intenzione morale o psicologica, egli semplicemente coglie il quotidiano dei giorni. Opere straordinarie compiute attraverso l’ordinario. Quanto più consuete sono le ambientazioni, abitate da figure semplici, tanto più si rivela la magia del reale. Non c’è tempo per descrivere, tutto accade in un soffio. In un soffio si rappresenta la verità interiore. C’è un dentro e c’è un fuori che osserva ma non vi è alcun intento voyeuristico, nessuna perversione. Una castità e un pudore che si sprigionano quando si è riconciliati, calmi, scaldati dal sole. Quando la frattura interiore è già avvenuta in noi e tutto scorre senza rimpianti, lasciando che la vita che ci resta abbia il suo giusto decorso. Nessun evento sensazionale. Semplicemente un attimo in cui tutto cambia, senza clamore. Figure sempre ai margini di una soglia: una finestra, una vetrina di un bar, l’uscita di sicurezza di un teatro, un sipario socchiuso, una porta, il finestrino di un treno. In cerca di luce. Mentre fuori la vita, ferma, incombe. Deserte le strade, quieti gli oceani. E gli alberi, accesi dal sole, fanno schiera e creano sentieri bui». Alessandro Serra.

Libri
Mario Aldo Toscano presenta le sue «Lettere dal Sud», premio Carlo Levi 2017. La Fondazione il Fiore organizza il 20 febbraio alla Biblioteca Umanistica dell’Università di Firenze una presentazione del libro che ha vinto, lo scorso dicembre, la sezione saggistica del Premio letterario Carlo Levi 2017: «Lettere dal Sud» – ricordare per esserci di Mario Aldo Toscano, già direttore del Dipartimento di Scienze sociali dell’Università di Pisa. Con l’autore interverranno Carmelo Mezzasalma e Diego Salvadori. Ingresso libero. Echi e suggestioni del Sud, e soprattutto della Lucania, in forma epistolare: lettere indirizzate al lettore contenenti brevi storie, memorie e riflessioni, a volte ironiche e paradossali, sempre problematiche e dense di sorprese. Con nella seconda sezione del libro una sorta di guida della Basilicata che è un viaggio del pensiero per immagini, figure e rievocazioni. Sono le Lettere dal Sud – ricordare per esserci (Asterios Editore 2016) di Mario Aldo Toscano, già ordinario di storia e teoria sociologica nonché direttore del Dipartimento di Scienze sociali presso l’Università di Pisa, che saranno presentate dall’autore, insieme a Carmelo Mezzasalma e a Diego Salvadori, martedì 20 febbraio alle 16.30 presso la sala Comparetti della Biblioteca Umanistica dell’Università di Firenze (piazza Brunelleschi 3-4, ingresso libero).

Cinema a teatro
Al Teatro Verdi, la proiezione di «Egon Schiele» di Dieter Berner (Germania 2016, 110’). La vita e le opere del grande artista austriaco, morto prematuramente a 28 anni, lasciando dietro di sé una nuova iconografia femminile e un contributo fondamentale all’espressionismo.

Cinema
Al Cinema Odeon, lunedì 19, martedì 20 (ore 16.30 - 18.30 - 21) e mercoledì 21 (ore 16.30 - 18.30) Febbraio arriva a Firenze il film-evento dedicato alla vita, alle opere e ai tormenti di Caravaggio, artista geniale contraddittorio, che più di ogni altro ha raccolto in sé luci e ombre, genio e sregolatezza, generando opere sublimi. Caravaggio – L’Anima e il Sangue è un excursus narrativo e visivo attraverso i luoghi in cui l’artista ha vissuto e quelli che ancora oggi custodiscono alcune tra le sue opere più note: Milano, Firenze, Roma, Napoli e Malta. Il film ha ottenuto il Riconoscimento del Mibact – Direzione Generale Cinema, il Patrocinio del Comune di Milano ed è stato realizzato in collaborazione con Palazzo Reale e con Vatican Media (già Centro Televisivo Vaticano) e con il supporto di Malta. 

Cinema africano
Martedì 20 Febbraio dalle 18.30, alle Spazio Alfieri si terrà la V edizone Kibaka Florence Festival di Cinema Africano.