21 settembre 2019
Aggiornato 02:00
Appuntamenti

Eventi a Firenze, ecco cosa fare martedì 6 febbraio

Spettacolo, musica e cultura. Ecco cosa vi attende in città ed una piccola guida per non perdere gli appuntamenti migliori dell'inizio della settimana

FIRENZE – Dallo spettacolo con Alessandro Preziosi, ai concerti, al cinema. Ecco qualche consiglio per non lasciarsi sfuggire i momenti più interessanti del martedì fiorentino.

Alessandro Preziosi a teatro
Al Teatro della Pergola, Alessandro Preziosi è Van Gogh nel primo testo scritto da Stefano Massini, regia di Alessandro Maggi. La messinscena di Vincent Van Gogh. L’odore assordante del bianco ha l’obiettivo di rappresentare il labile confine tra verità e finzione, tra follia e sanità, tra realtà e sogno, ponendo interrogativi sulla genesi e il ruolo dell’arte e sulla dimensione della libertà individuale. Con questo testo Massini risultò vincitore nel 2005 al Premio Pier Vittorio Tondelli. Una produzione Khora. teatro, TSA – Teatro Stabile D’Abruzzo, in collaborazione con Spoleto Festival dei 2Mondi.Il serrato e tuttavia andante dialogo tra Van Gogh – internato nel manicomio di Saint Paul de Manson – e suo fratello Theo, propone non soltanto un oggettivo grandangolo sulla vicenda umana dell’artista, ma piuttosto ne rivela uno stadio sommerso.

A Teatro
per il ciclo di conferenze Corrispondenze, del Centro internazionale per le arti dello spettacolo – Fondazione Zeffirelli. Sarà il critico teatrale, anglista e traduttore Masolino d’Amico ad affrontare il tema del rapporto tra Franco Zeffirelli e William Shakespeare, attraverso quattro conferenze dedicate ad altrettante opere del bardo di Stratford-upon-Avon. Ogni incontro si terrà nella Sala Musica del Complesso monumentale di San Firenze (Piazza San Firenze 5), inizierà alle 18 e sarà a ingresso gratuito fino a esaurimento dei posti disponibili. Martedì 6 febbraio d’Amico presenterà «La bisbetica domata», film del 1967 diretto da Zeffirelli, con Richard Burton e Elizabeth Taylor nei panni dei protagonisti, capace di conquistare anch’esso due nomination agli Oscar.

Cinema
Al Teatro Verdi, la proiezione di «The woman who left» di Lav Diaz (Filippine 2016, 228’) - Leone d’oro Festival di Venezia. Il premio d’arte cinematografica più importante al mondo va per la prima volta a un autore filippino. Una storia ispirata a Tolstoj, con al centro una figura femminile generosa e paziente, che esce dal carcere dopo un’ingiusta detenzione e va alla ricerca della sua memoria e della sua vita sospesa.

Toscana MovieNights – Mestieri eccezionali
Al Cinema La Compagnia, una serata per conoscere un mondo intrigante e misterioso come quello del circo in compagnia di chi dell’arte circense ha fatto la storia. Proiezione «Circle». Di Valentina Monti (film doc, ’70, Kinè in collaborazione con Rai Cinema). Tutto ha inizio con una carovana e un tendone. Stiamo parlando del più antico degli spettacoli: il circo. Attraverso il materiale unico dell’archivio di famiglia Togni, una delle più longeve dinastie circensi d’Europa, «Circle» disegna una favola al contrario che ha per protagonisti un domatore in gabbia e una ballerina a cavallo: la storia d’amore leggendaria tra Darix e Fiorenza, capace di generare una valorosa stirpe.