26 giugno 2019
Aggiornato 21:30
Cantiere centrodestra

Sicilia, Lega fuori dalla giunta. La replica di Salvini che spiazza tutti

Il segretario della Lega replica così, stupendo tutti, al mancato ingresso del suo partito in giunta regionale

ROMA - «Non c'è nessun dramma. Restiamo a guardare e voteremo i provvedimenti su cui siamo d'accordo». Lo ha detto il segretario della Lega nord, Matteo Salvini, intervistato a Circo Massimo su Radio Capital da Jean Paul Bellotto e Massimo Giannini alla domanda sull'esclusione del suo partito dalla Giunta siciliana. «È preoccupante quello che è successo subito dopo le Regionali con indagati e processati. Non deve ripetersi a livello nazionale. Agli alleati chiedo di candidare persone pulite»

Berlusconi non facci l'arca di Noè
«Se lanci un premier al mese non sei serio. Se parli di ministri quando ancora non c'è un programma condiviso, non fai un buon servizio all'Italia. Non voglio vincere per il gusto di vincere e poi litigare il giorno dopo». ha detto il segretario della Lega, ospite di Matrix105 su Radio105. «Berlusconi si è offeso sul fatto che voglio andare dal notaio per il programma... Va bene, andiamo dal macellaio ma mettiamo nero su bianco come fermiamo l'immigrazione clandestina, cosa facciamo sulle tasse, e questi accordi li voglio fare prima», ha insistito Salvini. Quanto ai confini della coalizione di centrodestra, «se fai l'arca di Noè, la gente sta a casa, e io non voglio che stia a casa».