28 settembre 2020
Aggiornato 01:00
era stato già condannato per estorsione

Roma, allarme bomba a Termini: fermato un 40enne pregiudicato

I due pregiudicati pensavano di farla franca, ma sono stati ripresi dalle telecamere mentre chiamavano da una cabina telefonica

ROMA - Hanno telefonato al numero di emergenza annunciando la presenza di un ordigno all'interno della stazione Termini. Ma era un falso allarme e i due sono stati "beccati" dalle telecamere e denunciati.

I due sono stati ripresi dalle telecamere di sicurezza
L'episodio è accaduto sabato pomeriggio, con la conseguente attivazione delle misure di sicurezza di emergenza. Nella circostanza, un 40enne di origine partenopea e la sua compagna 38enne - entrambi pregiudicati - mentre effettuavano la chiamata da una cabina telefonica erano stati però "immortalati" dalle telecamere di video sorveglianza.

L'uomo è stato arrestato
Ieri, dopo una breve indagine, i due sono stati rintracciati dagli agenti della Polizia di Stato della Ferroviaria operanti a Termini; l'uomo, dalle verifiche effettuate, è risultato anche destinatario di un mandato di cattura per una precedente condanna per estorsione. Pertanto per entrambi è scattata la denuncia per il reato di procurato allarme, mentre il 40enne è stato anche arrestato.