28 settembre 2020
Aggiornato 20:30
avanti un altro

Roma, Tosi: «Meloni e Salvini sono stati sleali. Sto pensando di candidarmi per il Campidoglio»

Flavio Tosi sta pensando di scendere in campo nella Capitale: "Berlusconi dice che servono uomini del fare: io sono uno di quelli"

ROMA - Flavio Tosi sindaco di Roma? «In efetti mi è stato chiesto: sono capace di fare il sindaco e siccome Berlusconi dice che servono uomini del fare, io sono capace di fare, ho dimostrato di esserlo». Così il sindaco di Verona, durante una conferenza stampa a Montecitorio, ha confermato le voci su una sua possibile discesa in campo per la corsa alla guida della Capitale.

Tosi: Sto ancora riflettendo
«Non è una decisione presa - spiega Tosi -, ma ci stiamo pensando seriamente. Al di là del fatto che non sono di Roma ma sono sindaco della Roma del Nord, cioè Verona, credo che oggi a Roma serva un sindaco capace di fare il sindaco al di là di dove sia, perchè ci sono stati anche sindaci romani non in grado di farlo, hanno lasciato un'eredità terribile, non parlo solo degli scandali».

I romani non voteranno per appartenenza politica o ideologica
Chiunque farà il sindaco secondo Tosi dovrà affrontare «difficoltà enormi: rimettere in piedi la macchina amministrativa di Roma che come pubblica amministrazione è una delle più inefficienti d'Italia, tasse più alte e servizi pessimi. I romani lo sanno meglio di me. E siccome noi a Verona abbiamo dimostrato di saper gestire la città... La richiesta viene da amici di Roma", ha concluso ricordando che «i romani voteranno i candidati in base alla persona e alla capacità di governare la città non per appartenzenza politica o ideologica».