20 giugno 2019
Aggiornato 19:00
il leader de la destra insorge contro berlusconi, meloni e salvini

Comunali Roma, Storace: «Basta con la giostra dei nomi. Facciamo le primarie»

Il segretario nazionale de La Destra e candidato sindaco di Roma, Francesco Storace, chiede il rispetto della volontà popolare per sciegliere la candidatura del centrodestra per il Campidoglio

ROMA - Il leader de La Destra, Francesco Storace, chiede a gran voce le primarie che potrebbero legittimarlo come candidato sindaco di Roma del centrodestra. E a Berlusconi, Meloni e Salvini ha tanto da rimproverare. 

Storace: Basta con questo teatrino
«Finisca la giostra dei nomi improbabili e ci si concentri su come vincere le comunali a Roma. Le primarie, magari da svolgersi in contemporanea con quelle del Pd, sancirebbero un'affermazione fortissima di rispetto per la sovranità popolare. L'ho detto anche a Berlusconi, ieri, che ho invitato a consultare i sondaggi». Così il segretario nazionale de La Destra e candidato sindaco di Roma, Francesco Storace.

Uniti strillano ma combinano poco
«Uniti strillano ma non riescono a fare nemmeno un vertice a tre: brutto segnale quando non ci si parla più perché vuol dire che prevalgono gli sgarbi sulla politica. Al Cavaliere ho aggiunto anche che le primarie, proseguendo così, le faremo direttamente al primo turno. Registro - e non sono il solo - grande voglia ed entusiasmo di popolo a partecipare insieme a me a questa sfida. Ai romani non interessano le beghe da Prima Repubblica per contarsi in vista dell'Italicum. Roma ha bisogno di chi la serve, non di chi se ne serve. Tutti conoscono la nostra onestà personale, aggiunte a competenza e credibilità. Onestà - aggiunge Storace su Il Giornale d'Italia - certificata dalla magistratura, non autoprodotta. E registro la buona notizia del primo proscioglimento, ieri, di Gianni Alemanno, a conferma che la giustizia prima o poi arriva. Se ci sono candidati che hanno questi requisiti e in misura più elevata, nessun dubbio a farci da parte. Ma finora si è visto davvero ben poco", conclude.

(Fonte Askanews)