24 ottobre 2020
Aggiornato 05:00
cambia la geografia delle aziende sanitarie

Consiglio regionale del Lazio, al via la rivoluzione delle Asl

Erano 12, ora sono 10 e nel 2017 diventeranno soltanto 8

ROMA - Rivoluzione nel Lazio per le Asl, che passano da 12 a 10 nell'immediato, per arrivare ad 8 dal luglio 2017, nel rispetto di quanto previsto dal Documento di Economia e Finanza Regionale. La Legge di Stabilità approvata nella notte alla Pisana modifica infatti la 'geografia' delle aziende sanitarie che con un subemendamento presentato dalla commissione Bilancio, diventeranno: la Asl "Roma 1" dalla fusione delle aziende RmA e RmE; la Asl "Roma 2" dalla fusione delle aziende RmB e RmC le Asl "Roma 3", "Roma 4", "Roma 5" e "Roma 6", derivanti dalla ridenominazione delle esistenti aziende RmD, RmF, RmG, RmH. 

In futuro ci saranno solo due Asl
I risparmi attesi da questa operazione, secondo quanto riferito in Commissione dall'assessore al Bilancio Alessandra Sartore, deriveranno dall'omogeneizzazione del trattamento economico del personale, dall'eliminazione delle funzioni apicali duplicate, dalla centralizzazione dell'acquisto di beni e servizi, dalla riduzione di canoni di locazione. Successivamente si assisterà la creazione di due sole Asl per il territorio di Roma Capitale, e altrettante per il resto della città metropolitana. 

Più trasparenza sugli appalti
Cassati poi con un emendamento sottoscritto da tutti i gruppi consiliari i commi sulla mobilità sanitaria, viene introdotta l'obbligatorietà per Regione, Consiglio, Aziende sanitarie e ospedaliere di pubblicare sui propri siti istituzionali l'elenco delle ditte appaltatrici e dei soggetti beneficiari dei finanziamenti destinati agli interventi di edilizia e di tecnologie sanitarie. Istituito il servizio permanente sulla reintegrazione familiare e sociale del paziente post-comatoso, per il cui svolgimento ci si avvale anche della collaborazione di associazioni di volontariato operanti nel settore. Sul fronte degli avvisi bonari inviati nell'ambito dell'operazione di recupero dell'evasione fiscale sui ticket sanitari infine, si potranno rateizzare gli importi superiori ai 500 euro, con criteri e modalità definiti dalla Giunta, previa acquisizione del parere della Commissione competente, con deliberazione da adottare entro 15 giorni dall'entrata in vigore della Legge di Stabilità. (Fonte Askanews)