20 gennaio 2020
Aggiornato 18:30
L'ex sindaco sulla situazione romana

Roma, Rutelli: il mio impegno è quello di costruire ponti politici

E' un momento difficile per la nostra città, tutti alzano muri, dice l'ex sindaco Rutelli: è necessario ora un aggregarsi di energie forti, sane, corrette e competenti

ROMA - «Adesso il mio impegno è quello di fare da ponte ovvero costruire ponti ecologici, ma anche politici perché anche quelli ci vogliono. È un momento difficile per la nostra città perché tutti alzano muri e muretti». Così l'ex sindaco di Roma, Francesco Rutelli, a margine dell'inaugurazione del nuovo ingresso a Roma della via Francigena del Nord.

Il contributo alla città
«Mai come oggi la nostra città - ha spiegato - ha bisogno di aggregazione di energie forti, sane, corrette e competenti. Speriamo che in campagna elettorale possano competere squadre robuste e persone credibili. Roma oggi è in seria difficoltà noi vogliamo dare il nostro contributo perché il nostro lavoro riempie un vuoto. Speriamo che possa servire. Un contributo fatto di programmi, idee e persone. Vogliamo portare avanti energie civiche che diano il loro personale contributo alla società, che si mettano a disposizione, che si sprechino».

I prossimi incontri
«I nostri prossimi incontri saranno ad Ostia il 23 gennaio e il 4 febbraio a Cinecittà. Il primo, ad Ostia - ha precisato - sarà di tipo associativo legato alla ripresa della partecipazione civica e lo faremo proprio nell'unico municipio sciolto per mafia. Mentre invece a Cinecittà sarà una iniziativa culturale perché la cultura crea lavoro e sviluppo economico. Quando poi si chiuderanno gli incontri della 'Prossima Roma' presenteremo alla città tutte le proposte che sono nate dalla partecipazione generosa di imprenditori, cittadini, uomini di cultura, associazioni di volontariato», ha concluso Rutelli.

(con fonte Askanews)