19 novembre 2019
Aggiornato 18:00
Quattro persone finiscono in manette

Smantellata rete di trafficanti di cocaina a Roma

L'attività investigativa ha permesso anche di mettere in luce l'efferatezza con cui veniva operato il recupero dei crediti nei confronti dei clienti, ricorrendo, frequentemente, a minacce e violenza

ROMA (askanews) - E' stata smantellata a Roma un'organizzazione criminale dedita al traffico di cocaina. Nella notte, gli uomini del Centro Operativo Dia della Capitale hanno arrestato quattro cittadini italiani, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip presso il Tribunale di Roma su richiesta della locale Procura della Repubblica - Dda.

La rete di pusher tossicodipendenti
Le indagini, avviate nel 2013 dagli investigatori della Dia, hanno consentito di far luce sulle modalità di approvvigionamento e smercio della cocaina in città che avveniva attraverso una rete di pusher tossicodipendenti, legati all'organizzazione da vincoli di fedeltà e di assoggettamento. I servizi sul territorio hanno inoltre permesso il sequestro di rilevanti quantitativi di stupefacente e di poter stimare in diversi kg al mese, lo smercio di cocaina messo in atto dall'organizzazione.

L'efferatezza del recupero crediti
Nel corso delle perquisizioni sono state sequestrate oltre cento schede telefoniche intestate a persone inesistenti, che i capi del gruppo criminale utilizzavano per le comunicazioni proprie e dei pusher, nella convinzione di poter eludere, così, le attività investigative delle Forze di polizia. L'attività investigativa ha permesso anche di mettere in luce l'efferatezza con cui veniva operato il recupero dei crediti nei confronti dei clienti, ricorrendo, frequentemente, a minacce e violenza. Tre delle persone colpite dal provvedimento del giudice, sono state rinchiuse nel carcere di Regina Coeli, il quarto è già detenuto per possesso di droga.