20 ottobre 2019
Aggiornato 08:00
L'accusa di SiAmo Vercelli

Vercelli mai così sporca. «Il sindaco smetta di farsi pubblicità e ascolti i consigli»

Zanoni, capogruppo di SiAmo Vercelli in Consiglio comunale, attacca la pubblicità che Maura Forte si è fatta dopo aver fatto ripulire le strade. Peccato che era ciò che chiedevano loro nella mozione che il sindaco ha fermamente bocciato

VERCELLI - Vercelli sporca come non mai. Di chi è la colpa? Del sindaco. E chi s'è fatto una bella pubblicità dopo averla fatta ripulire? Sempre il sindaco. Ma come? L'accusa arriva diritta dritta dalle fila di SiAmo Vercelli, che fa notare in una lettera pubblicata su infovercelli24 come il sindaco Maura Forte abbia ampiamente comunicato alla stampa di aver dato seguito alla segnalazione di alcuni cittadini proprio in merito ad alcuni rifiuti abbandonati in via Asmara, di essersi recata personalmente sul posto, di aver scattato una serie di foto da far girare sui social e pure di aver richiesto l’intervento di Atena e dei vigili, che hanno individuato i responsabili e li hanno multati.

Solo la ciliegina sulla torta
«E' pensabile – si chiede Gian Luca Zanoni, capogruppo di SiAmo Vercelli in Consiglio comunale – che in una città capoluogo di provincia si muova il sindaco a far fotografie, a chiamare Atena per pulire i rifiuti oggi in via Tizio, domani in via Caio, a chiamare personalmente i vigili per far multare i responsabili? E' normale che il sindaco poi se ne vanti con la stampa? Queste sono cose che possono funzionare in un paesello di qualche centinaio di abitanti». Ma questa è solo la ciliegina sulla torta.

Dall'assessore all'Ambiente ad Atena, l'elenco delle cose che non funzionano
«Tutto ciò è la fotografia di una situazione fallimentare» sostiene Zanoni. «Primo, manca da mesi l’assessore all’Ambiente. Il sindaco ha su di sé un numero di deleghe infinito che neppure un monarca assoluto (impossibile, con tutte quelle responsabilità, seguirle tutte con efficienza e conseguendo risultati durevoli: infatti è sempre a rincorrere emergenze). Secondo, assumendo che Atena stia onorando regolarmente il proprio contratto di servizio con il Comune (e che cioè la raccolta rifiuti avvenga con regolarità), l’unica spiegazione di una città così sporca è la mancanza di osservanza delle regole da parte dei cittadini. Abbiamo quindi un problema di rispetto dei regolamenti comunali, e questi comportamenti vanno puniti. Con decisione, se serve a debellare il fenomeno».

«Perché ci ha votato contro la mozione?»
Quello che non si capisce è come mai il sindaco si sia compiaciuta del fatto che i responsabili siano stati multati quando, nell’ultimo Consiglio comunale, ha votato a sfavore, bocciandola, proprio una mozione di SiAmo Vercelli finalizzata al contrasto all’abbandono dei rifiuti nelle strade. La mozione prevedeva l’aumento della vigilanza con anche l'utilizzo di personale in borghese, l’applicazione a chi viene sorpreso ad abbandonare rifiuti della misura massima della sanzione prevista dal regolamento, «500 euro, che in Consiglio il sindaco ha giudicato troppo onerosa», e prevedeva anche un meccanismo di inasprimento sanzionatorio per i recidivi e l’istituzione di un contatto per le segnalazioni da parte dei cittadini. «Il problema non può essere affidato al sindaco che gira con la macchina fotografica (e cosa succede quando - si spera spesso - il sindaco è impegnata con incombenze più importanti? Si possono abbandonare i rifiuti impunemente?). La bocciatura da parte del Sindaco appare piuttosto una scelta a priori: le proposte di SiAmo Vercelli vanno bocciate».

«Il sindaco esca dall’assurdo atteggiamento di osteggiare a priori tutto ciò che proponiamo»
SiAmo Vercelli assicura che «non ci sarà mai da parte nostra un atteggiamento pregiudiziale nei confronti dell’Amministrazione: daremo il nostro contributo positivo quando a nostro avviso opererà nella giusta direzione (il dossier Atena-IREN, recentemente discusso in Consiglio, è un buon esempio); quando non sarà così ci opporremo, sempre argomentando nel merito e suggerendo modalità alternative. Speriamo che il Sindaco esca dall’assurdo atteggiamento di osteggiare a priori tutto ciò che SiAmo Vercelli propone: nomini quanto prima un Assessore all’Ambiente e dia seguito a misure strutturali e continuative per il contrasto all’abbandono dei rifiuti nelle strade».