23 gennaio 2020
Aggiornato 03:30
Controlli antiabusivismo in atto

Sette denunce per abusivismo al centro di Roma

I sette dovranno rispondere di ricettazione e introduzione nello Stato e vendita ambulante di merce contraffatta e alla contestazione ad altre 8 persone, di sanzioni amministrative per un importo complessivo di 45 mila euro circa, ed al sequestro di un'ingente quantità di merce contraffatta

ROMA (askanews) - Controlli antiabusivimo nel centro di Roma. I carabinieri del Comando di piazza Venezia hanno denunciato a piede libero sette persone, che dovranno rispondere, a vario titolo, di ricettazione e introduzione nello Stato e vendita ambulante di merce contraffatta e alla contestazione ad altre 8 persone, di sanzioni amministrative per un importo complessivo di 45 mila euro circa, ed al sequestro di un'ingente quantità di merce contraffatta.

I denunciati
A finire nei guai sono stati cinque cittadini del Senegal e due cittadini del Bangladesh, di età comprese tra i 26 e i 46 anni, tutti senza fissa dimora e con precedenti, sorpresi nelle vie limitrofe a via del Corso e nella zona della fontana di Trevi mentre stavano vendendo borse recanti vari marchi delle più famose case di moda contraffatti. Ad otto cittadini del Bangladesh, di età compresa tra i 23 e i 28 anni, tutti senza fissa dimora, sorpresi a vendere aste per selfie e carica batterie per cellulari, i militari hanno contestato sanzioni amministrative per un totale di 45 mila euro.

Il materiale sequestrato
A conclusione dell'operazione ai sette denunciati sono state sequestrate complessivamente 87 borse da donna, di varie marche mentre, altre 80 borse, sono state rinvenute a terra assieme ad 80 paia di occhiali e 53 cover per cellulari, abbandonati sulla strada da ignoti. Ai cittadini del Bangladesh sono state invece sequestrate 157 aste per selfie e 57 carica batterie portatili per cellulari.