25 febbraio 2020
Aggiornato 02:00
Il Governo

Polverini promuove Monti, ma la riforma Fornero no

Il Presidente della Regione Lazio: «Il Premier si è dimostrato all'altezza, la sua squadra no»

ROMA - «Mario Monti ha sicuramente la mia promozione. Ha dimostrato di avere quella caratura che sta facendo riprendere un ruolo centrale al nostro Paese all'estero. Per quello che riguarda l'azione della sua squadra di governo, però, ci aspettavamo qualcosa di più». Lo ha sostenuto la presidente dimissionaria della Regione Lazio, Renata Polverini, in una intervista pubblicata sul sito della 'Fondazione Città Nuove', facendo un bilancio sull'operato del governo Monti.

Per Polverini, tuttavia, «alcuni suoi ministri non hanno brillato su alcune decisioni importanti. Sulla questione della riforma della previdenza, ad esempio, dove non sappiamo ancora se con la legge di stabilità si riuscirà a risolvere il problema degli esodati. E comunque un anno di attesa per sapere qualcosa sul proprio destino è troppo. Anche sulla riforma del lavoro, poi, nutriamo delle perplessità: ci aspettavamo soluzioni mirate per l'occupazione giovanile dove rimane il problema del rinnovo dei contratti a tempo determinato. Per non parlare del fatto che, sempre a proposito di mercato, si è aperta una voragine per i quarantenni che perdono il posto di lavoro. E che rimangono condannati nel limbo della disoccupazione».