30 marzo 2020
Aggiornato 12:34
Il caso

Vaccini Crucell, stopo dovuto a dubbi su sterilità

Sono state delle anomalie sulla sterilità dei vaccini anti influenzali prodotti dalla Crucell a spingere la società che li distribuisce in Italia, la Janssen-Cilag SpA, a non avviare a scopo precauzionale la loro effettiva fornitura. Distribuzione non è mai iniziata, quindi non c'è nessun ritiro

ROMA - Sono state delle anomalie sulla sterilità dei vaccini anti influenzali prodotti dalla Crucell a spingere la società che li distribuisce in Italia, la Janssen-Cilag SpA, a non avviare a scopo precauzionale la loro effettiva fornitura. E proprio per questo appunto «nessuna dose di Inflexal V è stata immessa sul mercato italiano - precisano dalla Janssen - a conferma del fatto che la principale priorità per Crucell e Janssen-Cilag SpA è la sicurezza dei cittadini».
«In seguito a un processo interno di controllo qualità, Crucell, l'azienda produttrice di Inflexal V, ha rilevato alcune anomalie inaspettate in ambito di sterilità su due lotti del vaccino antinfluenzale 2012-2013», riferiscono ancora dalla società di distribuzione. «Per questo motivo Janssen-Cilag SpA ha volontariamente deciso, a scopo puramente precauzionale, di non iniziare la distribuzione».
Pertanto, puntualizza ancora la Janssen, «contrariamente a quanto riportato da alcune agenzie di stampa, nessuna dose di Inflexal V è stata immessa sul mercato italiano, a conferma del fatto che la principale priorità per Crucell e Janssen-Cilag SpA è la sicurezza dei cittadini». Crucell è una società di biotecnologie controllata dal conglomerato americano Johnson & Johnson.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal