4 febbraio 2023
Aggiornato 17:30
Cristianesimo | Morte Cardinal Martini

Oggi alle 16 i funerali del Cardinal Martini

Dopo due giorni di ininterrotto omaggio da parte dei cittadini milanesi, oggi alle 16 nel Duomo si terranno i solenni funerali del Cardinale Martini. Il feretro era arrivato sabato dall'Istituto di studi filosofici dei gesuiti di Gallarate accompagnato dai familiari, dai più stretti collaboratori e dal vicario generale Mario Del Pini

MILANO - Dopo due giorni di ininterrotto omaggio da parte dei cittadini milanesi, oggi alle 16 nel Duomo si terranno i solenni funerali del Cardinale Martini. Il feretro era arrivato sabato dall'Istituto di studi filosofici dei gesuiti di Gallarate accompagnato dai familiari, dai più stretti collaboratori e dal vicario generale Mario Del Pini. Ad accoglierlo sul sagrato della cattedrale il Consiglio episcopale della Diocesi, il Capitolo della cattedrale e il vescovo, il cardinale Angelo Scola. Per le autorità politiche, invece, erano presenti il sindaco reggente di Milano, l'assessore Cristina Tajani, l'assessore al Bilancio Bruno Tabacci e il presidente del Consiglio provinciale Bruno Dapei.
«Sia il nostro atteggiamento prevalente il raccoglimento di fronte al mistero della morte», ha dichiarato il vescovo di Milano, Scola, auspicando che il cardinal Martini «riceva dalle mani del Signore il premio delle sue fatiche apostoliche».

La salma di Martini è stata composta sotto l'altare maggiore del Duomo e indossa la veste della messa di Resurrezione con la croce pastorale, mitra pastorale e palio. La veglia, accompagnata da canti e preghiere, è proseguita per due giorni, con incessantte afflusso di cittadini ed autorità. L'omelia funebre sarà officiata dal vescovo di Milano Angelo Scola cui parteciperanno, fra gli altri, il sindaco di Milano Giuliano Pisapia, il presidente della Regione Roberto Formigoni e il presidente del Consiglio Mario Monti. Al termine delle esequie il cardinale Martini sarà sepolto nella navata di sinistra del Duomo sotto il crocifisso di San Carlo Borromeo così come concordato con monsignore Luigi Manganini arciprete del Duomo.
Nel pomeriggio di sabato, mentre il flusso di fedeli proseguiva incessante al ritmo di circa 6mila persone l'ora, sono passati a portare l'ultimo saluto al cardinale il leader della Cgil Susanna Camusso, il ministro degli Interni Anna Maria Cancellieri e il leader del Pd Pierluigi Bersani che ha voluto ricordare il messaggio di «cultura, apertura e di dialogo tra posizioni diverse anche per chi non è credente» del cardinal Martini. Il flusso di fedeli davanti la salma del cardinal Martini è stato interrotto alle 17 per il rosario e per la successiva messa festiva. Al termine della messa la processione di fedeli riprenderà per tutta la notte e per la giornata di domenica.

Omaggio della comunità ebraica in arcivescovado - La comunità ebraica di Milano guidata dal rabbino capo Walker Meghnagi, ha reso omaggio all'arcivescovo emerito di Milano cardinale Carlo Maria Martini con una preghiera nel cortile dell'arcivescovado in piazza Fontana. Alla lettura di una trentina di salmi, dal 120 al 150 circa, ha preso parte anche Maris Martini, sorella del cardinale morto venerdì scorso a Gallarate (Varese). La donna, una volta terminata la lettura dei salmi, ha detto che «è un onore essere in mezzo alla vostra preghiera». La sorella di Martini ha infine ricordato l'attaccamento del cardinale a Gerusalemme, dove aveva scelto di vivere per alcuni anni prima che la malattia lo costringesse a tornare in Italia, e raccontato di una notte del 1976 trascorsa all'interno del cimitero ebraico di Tiberiade alla ricerca di alcune lapidi storiche.
«Abbiamo voluto essere oggi qui - ha detto il rabbino capo - in segno di cordoglio e amicizia nei confronti del cardinale che, oltre a essere stato una figura fondamentale per Milano è stato anche un nostro grande amico». Tra i presenti alla preghiera anche il parlamentare del Pd Emanuele Fiano, l'assessore alla Cultura del Comune di Milano Stefano Boeri e il giornalista Gad Lerner.