30 ottobre 2020
Aggiornato 15:30
Videomessaggio alla due giorni di Lourdes

Papa: Il Concilio resta il vero segno di Dio, dialogo e unità dei Cristiani

«Se noi siamo in grado di leggere e interpretare il suo messaggio all'interno della tradizione della Chiesa e nel solco del suo magistero - ha sottolineato in particolare Papa Ratzinger - il Concilio si rivelerà anche ai giorni nostri una grande forza per il futuro della Chiesa»

CITTÀ DEL VATICANO - «Il Concilio Vaticano II è stato e resta un autentico segno di Dio anche per i nostri Tempi». Lo ha sottolineato Papa Benedetto XVI, nel videomessaggio che ha aperto oggi a Lourdes l'incontro nazionale della Chiesa francese per celebrare il mezzo secolo trascorso dal Concilio.

Grande forza per il futuro della Chiesa - «Se noi siamo in grado di leggere e interpretare il suo messaggio all'interno della tradizione della Chiesa e nel solco del suo magistero - ha sottolineato in particolare Papa Ratzinger - il Concilio si rivelerà anche ai giorni nostri una grande forza per il futuro della Chiesa» ed «io auspico vivamente che questo anniversario sia per voi e per tutta la Chiesa occasione di rinnovamento spirituale e pastorale».
Un rinnovamento che «richiede - ha affermato ancora il Pontefice - un'apertura ancora più grande alla persona del Cristo e una riscoperta della parola di Dio per realizzare una conversione profonda dei nostri cuori, per consentirci di andare ancora per le strade di tutto il mondo a proclamare il Vangelo della speranza alle donne e agli uomini dei nostri tempi, in un dialogo che deve essere rispettoso di tutti». Nell'auspicio, ha concluso Benedetto XVI, «che questo tempo di grazia possa anche consolidare comunione all'interno della grande famiglia della Chiesa cattolica e contribuisca alla ritrovata unità fra tutti i Cristiani che è stato uno degli obbiettivi principali del Concilio».