30 marzo 2020
Aggiornato 19:30
Riforme istituzionali

Stefania Craxi: La petizione per la Costituente è arrivata a 30mila firme

La leader del movimento Riformisti Italiani: Sabato e domenica saremo in tutte piazze per sensibilizzare i cittadini sul tema

ROMA - «Partita tra lo scetticismo generale, ha superato in un mese le 30.000 firme, regolarmente autenticate, la petizione popolare lanciata dai Riformisti Italiani attraverso la quale si chiede che si dia vita con coraggio ad un'Assemblea Costituente, eletta con il sistema proporzionale, che lavori alla redazione di una nuova Costituzione. Sabato 4 e domenica 5 febbraio saremo in tutte le piazze italiane per continuare a sensibilizzare l'opinione pubblica sulla ineludibile necessità di una Grande Riforma». Così Stefania Craxi, presidente del movimento «Riformisti Italiani», rilancia in una nota il tema delle riforme istituzionali.
«La Costituzione italiana - prosegue - è, nella lettera e nello spirito, un ammasso di regole tese a combattere il rischio di un nuovo fascismo. Di qui i poteri quasi nulli del presidente del Consiglio, il bicameralismo con la doppia lettura delle leggi, il potere dei partiti sui cittadini. Ma il pericolo fascista non si è mai affacciato di fronte alla Repubblica, salvo che nelle manifestazioni di certi partigiani, e tutti siamo rimasti fermi a fissare un fantasma mentre la macchina dello Stato andava a rotoli». Stefania Craxi presenterà nei prossimi giorni in Parlamento un disegno di legge in materia.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal