16 ottobre 2019
Aggiornato 02:00
Governo | Maggioranza

Matteoli: Berlusconi va avanti, divisa è l'opposizione

«Concluderemo la Legislatura. La minoranza si dimostri responsabile»

ROMA - «Il governo va avanti senza farsi intimorire da un'opposizione divisa, che chiede solo dimissioni limitandosi alla demagogia». Lo ha affermato il ministro Pdl delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, replicando a Fini, D'Alema, Casini sul nuovo governo di unità nazionale senza la guida di Silvio Berlusconi.
Negli ultimi mesi il governo - ha detto ancora Matteoli - si è assunto la responsabilità di portare in Parlamento provvedimenti impegnativi e necessari per la tenuta dei conti del Paese per fronteggiare la peggiore crisi mondiale dal Dopoguerra e lo ha fatto ponendo responsabilmente la fiducia ottenuta con numeri crescenti».

«Di fronte alla compattezza della maggioranza - ha inoltre sottolineato Matteoli - l'opposizione replica con defatiganti richieste di dimissioni che se accolte porterebbero il Paese in un vicolo cieco. Fini chiede la testa di Berlusconi ma non si capisce per quale alternativa, Casini propone un governo di unità riconoscendo il ruolo della maggioranza, D'Alema dichiara di volere il voto ma sarebbe pronto a non chiari gesti di responsabilità, Vendola dice che bisogna evitare pasticci. Insomma, l'opposizione è divisa mentre dovrebbe agire con responsabilità, senza confusioni di ruoli, adottando atteggiamenti e comportamenti analoghi a quelli assunti in occasione dell'ultima manovra economica. Poi nel 2013 si voterà ed i cittadini decideranno democraticamente».