6 aprile 2020
Aggiornato 01:00
Governo

Briguglio: Rimpasto? Prostituzione politica, no competenze

E su Pdl: è sempre più il partito di Verdini

ROMA - «Persone con delle qualità che sono state umiliate come la Bernini o il povero Pionati o la nutrita quanto impaurita colonia di ex An, destinata a essere decimata alle prossime elezioni politiche, adesso sanno che Berlusconi premia solo chi tradisce o usa il Pdl come una sua residenza privata da cui chiunque può uscire o rientrare senza regole. In quello che si chiama partito, ma che non lo è mai stato, non ci sono nè regole nè criteri di merito: dalle liste stracolme di veline, meteorine e igieniste dentali agli incarichi di governo assegnati in nome della prostituzione politica e non certo delle professionalità o delle competenze». E' quanto ha dichiarato Carmelo Briguglio, vice presidente vicario dei deputati di Fli, nel corso di un incontro con i giornalisti a Bari presso la sede del Consiglio regionale dove ha illustrato le proposte di Fli contro l'oppressione fiscale nell'ambito dell'Equitalia Day.

«Il Pdl - ha aggiunto Briguglio - ogni giorno di più è partito dell'amministratore unico Denis Verdini, nel quale si conduce il gioco dell'ultimo nome dell'erede che sarà scritto nel testamento di Berlusconi mentre il rimpasto rende più debole e senza residua credibilità il governo del Paese, assente sui fronti della disoccupazione, dell'equità fiscale e della crescita».
«Il berlusconismo è già il passato e la ragione sociale di Fli richiama un futuro politico tutto da costruire», ha concluso il vice capogruppo di Fli a Montecitorio.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal