23 febbraio 2020
Aggiornato 22:00
Milano 2011

Calderoli nega la «freddezza» della Lega: Bossi chiuderà la campagna milanese

«Al gran finale penso che parteciperà. E' un problema che non esiste»

ROMA - «E' un problema che non esiste». Il ministro Roberto Calderoli, coordinatore delle segreterie della Lega, nega freddezza e disimpegno del Carroccio nella campagna a Milano a sostegno della ricandidatura a sindaco di Letizia Moratti. «Penso che Bossi ci sarà per la chiusura della campagna elettorale», ha assicurato in un'intervista al Corriere della sera.

«La nostra posizione - ha spiegato Calderoli sulla scelta della Lega per le amministrative di maggio- è lineare. Nei piccoli Comuni si sceglie sulla base di collaborare insieme. Nei capoluoghi e nelle Province siamo sempre insieme al Pdl, tranne dove si è alleato con Udc e Fli».
Calderoli ha driblato invece la domanda sulla possibilità che, se il centrodestra perderà Milano, sarà l'alleanza nazionale Pdl-Lega a essere messa in discussione. «E' una considerazione - ha detto in proposito- da perdenti. E noi non pensiamo mai al 'se perdiamo'. Quello che è certo è che i poteri forti non vinceranno mai».