28 gennaio 2020
Aggiornato 10:30
Sanità laziale

L'Opposizione denuncia: Polverini chiuderà 17 ospedali

Indiscrezioni sul piano di rientro deficit: cancellati 3.078 posti letto. La Presidente della regione: «Dati falsi»

ROMA - Il piano di rientro della sanità della regione Lazio potrebbe prevedere la chiusura di 17 ospedali e la cancellazione di 3.078 posti letto, di cui 1.623 di riabilitazione e lunga degenza. Il capogruppo del Pd laziale, Esterino Montino, ha 'rivelato' questo pomeriggio quelli che dovrebbero essere i punti chiave del piano messo a punto dalla giunta Polverini. «Siamo entrati in possesso di questi dati che fotografano una situazione diversa da quella dipinta dal governatore», spiega Montino.

Ma quali sono gli ospedali destinati alla chiusura secondo i dati del capogruppo del Pd? Subiaco, dove ieri i cittadini hanno bloccato l'autostrada per protesta, ma anche Bracciano, Monterotondo, Amatrice, Rocca Priora, Acquapendente, Montefiascone, Roncigliano, Ceccano, Ceprano Anagni, Ferrentino, Itri, Pontecorvo, Aquino e Nuova Regina Margherita. In dubbio la sorte di altri tre: Magliano, Sezze e Gaeta.
Un errore di fondo la chiusura di queste strutture, spiegano, poiché non si aggredisce il problema: Roma. Secondo Montino, infatti, è all'interno della città che sono presenti meno posti letto per mille abitanti: «Circa due nelle strutture della Capitale, quando la media dovrebbe assestarsi sui 3,3». Numeri allarmanti per l'opposizione che in chiusura ha lanciato una provocazione al governatore: «La Polverini ha capito solo ora cosa vuol dire fare il presidente e non girare spot elettorali».

LA REPLICA DELLA POLVERINI - «Smentisco categoricamente che le notizie diffuse poco fa dalla minoranza guidata dal capogruppo del Pd, Esterino Montino, siano vere. Non solo, lo prego di usare con grande senso di responsabilità parole diverse perché sta facendo terrorismo psicologico nei confronti delle persone». Queste le prime parole del presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, dopo che l'opposizione in Regione ha reso note alcune indiscrezioni sul piano di rientro dal deficit della sanità che, secondo quanto annunciato da Montino, potrebbe prevedere la chiusura di 17 ospedali e la cancellazione di 3.078 posti letto, di cui 1.623 di riabilitazione e lunga degenza.
«Montino sta fomentando una situazione che non lo merita. Stiamo lavorando con serietà - ha proseguito la Polverini - per fare quello che loro in cinque anni non sono stati capaci di fare o non hanno voluto fare perché collusi con tutti coloro che lavoravano in questa regione».
«Dopo di che - ha concluso la governatrice - se, come lui ha annunciato, i dati falsi diffusi provengono dagli uffici regionali, annuncio che sta partendo una denuncia contro ignoti, così Montino dovrà spiegare da chi ha avuto questi dati. Così la smettiamo di giocare».