17 settembre 2019
Aggiornato 16:22
Scuola

Da domani tutti in aula: al via Puglia, Abruzzo e Liguria

Con le ultime 3 regioni mancanti si completa il ritorno a scuola di 7 milioni di studenti

ROMA - Con la giornata di domani si completa l'avvio del nuovo anno scolastico in tutte le regioni italiane: anche in Puglia, Abruzzo e Liguria riprenderanno le lezioni dopo che, a partire dalla provincia di Trento, dove la prima campanella ha suonato il 9 settembre, nei giorni scorsi erano tornati sui banchi tutti gli studenti e docenti nelle altre zone d'Italia.

A partire da domani, quindi, saranno di nuovo attive le 42mila sedi scolastiche facenti capo (anche come succursali, sezioni staccate e coordinate) ad oltre 10mila istituti diretti da altrettanti presidi (anche se 1.500 andranno in reggenza perche è capi d'istituto vincitori di concorso sono esauriti): oltre 7 milioni di alunni e studenti saranno collocati in oltre 370mila sezioni e classi.

Anche dopo la seconda delle tre tranche annuali di tagli, avviate lo scorso anno e che nel 2011 porteranno alla cancellazione di 75mila posti, il corpo insegnante rimane corposo: 729 mila docenti, di cui 93mila (caratteristica tutta italiana) a sostegno degli studenti disabili. A cui si aggiungono oltre 100mila insegnanti non di ruolo, annuali o nominati fino al termine delle attività didattiche.