10 luglio 2020
Aggiornato 08:00
Concorso in sequestro di persona

Denise Pipitone, indagata la madre della sorellastra

La Procura ha notificato alla donna la richiesta di incidente probatorio

MAZARA DEL VALLO - L'inchiesta sulla scomparsa di Denise Pipitone, la bambina rapita a Mazara del Vallo il primo settembre del 2004, va avanti e c'è una nuova indagata, per concorso in sequestro di persona, dalla procura di Marsala: è Anna Corona, la madre di Jessica Pulizzi, la sorellastra di Denise, già rinviata a giudizio due settimane fa.

Alla donna è stata notificata infatti la richiesta di incidente probatorio, riguardo ad alcuni accertamenti sul cellulare intestato alla donna che hanno rilevato spostamenti la notte tra il primo e il due settembre 2004. La consulenza del professor Roberto Cusani, docente di telecomunicazioni alla Sapienza di Roma, depositata dalla parte offesa, la famiglia Pipitone, sul traffico di telefonico di una sim intestata alla madre di Jessica Pulizzi, evidenziava uno spostamento 'anomalo' notturno tra l'1 e il due settembre 2004, tra la mezzanotte e le sei del mattino.

L'allora consulente della procura Gioacchino Genchi non aveva considerato tali dati, ora invece la procura ha accolto la richiesta della famiglia di Denise, ha riaperto le indagini e ha chiesto di fare accertamenti nei limiti e nei termini della consulenza del professor Cusani. La procura ha così fatto richiesta di incidente probatorio, per cristallizzare la prova, notificandola alle parti. Ora il gip dovrà decidere sulla richiesta della procura.

Il 16 marzo si apre il processo nei confronti di Jessica Pulizzi, rinviata a giudizio due settimane fa per sequestro di persona, e nei confronti del suo ex fidanzato, il tunisino Gaspare Ghaleb, accusato di false dichiarazioni al pubblico ministero.