13 giugno 2024
Aggiornato 06:00
2 GIUGNO

Napolitano: «Valori Costituzione guida per Italia coesa»

«Sono i principi di democrazia, libertà, uguaglianza e giustizia»

ROMA - I valori della Costituzione repubblicana «sono oggi ancora e più che mai condizione e guida per la costruzione di un'Italia coesa, prospera, solidale». Lo sottolinea il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nel messaggio inviato al Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Vincenzo Camporini, in occasione della Festa della Repubblica. Quei valori, evidenzia ancora il capo dello Stato, sono anche guida «per un'Italia che sia sempre più elemento propulsivo di un'Europa finalmente unita, ancora una volta protagonista dello sviluppo economico e del progresso sociale, civile e culturale della comunità internazionale».

«Il 2 giugno - premette Napolitano - si celebra la proclamazione della Repubblica, passaggio decisivo nel lungo e travagliato cammino storico che l'Italia ha dovuto percorrere per poter fare definitivamente propri i principi di democrazia, libertà, eguaglianza e giustizia sui quali si fonda la nostra Carta Costituzionale. In questa giornata, il nostro deferente omaggio e la nostra riconoscenza vanno a tutti gli italiani che persero la vita in spirito di fedeltà alla Patria nella guerra voluta dal fascismo ed a coloro che, animati da un nuovo senso dell'interesse nazionale, caddero successivamente per far sì che l'Italia riconquistasse libertà, indipendenza e unità».

«Sono trascorsi - ricorda il presidente della Repubblica - sessantatre anni da quel 2 giugno 1946. Ma quei valori, divenuti principi della Costituzione repubblicana, sono oggi ancora e più che mai condizione e guida per la costruzione di un'Italia coesa, prospera, solidale; per un'Italia che sia sempre più elemento propulsivo di un'Europa finalmente unita, ancora una volta protagonista dello sviluppo economico e del progresso sociale, civile e culturale della comunità internazionale».