15 dicembre 2019
Aggiornato 01:30
Vigilanza RAI

«Nel caso Villari doppiamente violato il diritto parlamentare»

Lo dice a Youdem il senatore del Pd Stefano Ceccanti

«Ci troviamo di fronte a una legittima ma faziosa campagna di stampa che cerca di influenzare le prossime decisioni della Giunta del Regolamento del Senato». Lo dice a Youdem il senatore del Pd Stefano Ceccanti che così continua: «Questa campagna omette di ricordare due gravi fatti. Per colpa della maggioranza, con la collaborazione trasformistica del senatore Villari, è stata violata la convenzione costituzionale che assegna a una personalità espressa dai gruppi di opposizione la presidenza della Vigilanza Rai.

Di conseguenza, in seguito all’inevitabile espulsione del Presidente Villari dal gruppo del Pd, ci si trova di fronte anche a una violazione della legge che impone una proporzionalità tra composizione del Parlamento e composizione della Commissione. Di fronte a queste due gravi violazioni - continua Ceccanti - una soluzione va comunque trovata non per rispondere a diktat di partito, ma per rispettare il diritto violato. La più decente e semplice sarebbero le dimissioni. Se non vi sono, va percorsa la strada di un’interpretazione del Regolamento conforme alla convenzione e alla legge che conduca alla revoca. Se essa non risultasse praticabile vanno modificate le norme. In ogni caso - conclude il senatore del Pd - tutto si può chiedere al Pd tranne la resa a due gravi lesioni del diritto parlamentare».